Psicologo Milano

Luca Mazzucchelli - "Lo psicologo che non usa il lettino..."

  
  
  
  
  

Tappe evolutive e costruzione di nuovi equilibri

equilibrio-La-Pace-comincia-da-Te-300x286I cosiddetti periodi difficili, o periodi di crisi, sono, dal punto di vista degli studiosi di psicologia, una parte spesso fisiologica del processo evolutivo a cui siamo tutti continuamente sottoposti nel corso della nostra esistenza.

Nella vita di ognuno di noi, la maggior parte delle cose cambiano incessantemente senza che tuttavia noi ce ne accorgiamo. Ma a volte alcuni cambiamenti si impongono alla nostra attenzione come eventi ben precisi. Questo può accadere in presenza di eventi macroscopici ed improvvisi, oppure attraverso tanti micro-cambiamenti impercettibili che alla fine producono un esito rilevante.

Quelle fasi o quegli eventi che assumono una particolare rilevanza nel nostro percorso di vita a volte possono risultare traumatici, generare in noi un senso di disagio e di difficoltà, suscitarci ansia e preoccupazione, farci sentire spossati, tristi, impotenti, frustrati, senza più speranze.

Ma perché alcuni periodi della vita diventano per noi "critici"?

Si indica col nome di "ciclo di vita" quel percorso che ogni essere vivente compie dalla nascita fino alla morte.

Ad ogni stagione della nostra vita (prima neonato, poi bambino e adolescente, quindi adulto e maturo, infine anziano), cambia il nostro corpo, il modo di pensare, la natura dei nostri rapporti con gli altri, i bisogni, gli scopi, il posto che occupiamo nel mondo e il modo di guardare ad esso.

L'esperienza clinica ha evidenziato che i periodi di crisi tendono a coincidere con i momenti di passaggio da una fase  all'altra di questo immaginario percorso.

E' come se i piccoli e i grandi cambiamenti che avvengono nella nostra vita ci imponessero di quando in quando una ri-organizzazione. Questo può essere percepito come destabilizzante, faticoso, doloroso, spaventoso, eccetera.

La crisi è proprio la perdita o meglio la rottura di un equilibrio ("crisi" significa "rompere") che prepara il terreno all'acquisizione di un nuovo assetto.

Ne consegue che la crisi è parte fondamentale della crescita. Una crisi è come mettere a soqquadro una stanza prima di rimettere tutto in ordine secondo un nuovo criterio. Nella lingua cinese un'unica parola significa sia "crisi" sia "opportunità": la crisi è un'opportunità di crescita.

I bambini hanno dei bisogni, ma anche gli adulti ne hanno e, per soddisfare quelli dei loro figli, è importante che si occupino anche dei loro, che si “nutrano” per poter nutrire, che si prendano cura di sé, per poter prendersi cura dei figli, proprio per evitare meccanismi simbiotici o dinamiche intrafamiliari “patologiche”. Per spiegare il concetto di bisogno è utile far riferimento a Maslow il quale formula la teoria dei bisogni e della motivazione umana elencando, fra i bisogni fondamentali e quelli fisiologici, di sicurezza, di appartenenze, di affetto, di stima e di autorealizzazione. Per sostenere i figli è importantissimo che questi vedano realizzati i loro bisogni dell’accettazione incondizionata di ciò che si è (diversa dall’approvazione di ciò che si fa) e come siano i genitori a rispondere a questo bisogno inviando messaggi di un certo tipo.

Quali sono i messaggi?

Sono i messaggi positivi rispetto all’esistere (es. è bello che tu ci sia, sei importante, ti voglio bene, va bene così come sei, ecc. che un bambino non si deve guadagnare in nessun modo, ma che sarebbe opportuno gli venissero “regalati” dai genitori e dagli adulti di riferimento) e i messaggi positivi rispetto al fare (sei capace, sei in grado di, qualunque lode o apprezzamento, gratificazione) che inviamo tramite le parole o le azioni. L’autostima, il senso di valere, la fiducia in se stessi è il regalo più grande che i genitori possano fare ai figli in quanto rappresenta l’attrezzatura fondamentale per entrare in relazione con sé, con gli altri, con il mondo esterno, in modo sereno ed equilibrato. Tutte queste sono risorse che ogni bambino deve acquisire per riuscire ad adattarsi ed a superare situazioni difficili e stressanti.

Quindi, secondo voi, come possiamo aiutare i bambini ad affrontare e a superare i periodi di crisi?

Elisa Oliva

 

 

 

 

Parlano di me..

Copyright © 2013 - Psicologo Milano
A cura di Luca Mazzucchelli - Profilo Google
All Rights Reserved