Counseling e Coaching Milano - Psicologo Milano, Luca Mazzucchelli

Counseling e Coaching Milano

Counseling e coaching psicologico


Nella mia pratica lavorativa mi confronto con situazioni di disagio conclamato, ma anche con persone che stanno complessivamente bene ma vogliono migliorare la loro situazione personale, puntando a una crescita ulteriore. Non a caso lavoro anche in contesti di benessere, come in alcune palestre di Milano dove aiuto le persone a raggiungere scopi e trovare le motivazioni adeguate per perseguirli. Sono pertanto a disposizione per effettuare incontri di counseing e coaching sia nel mio studio a Milano, sia online via skype.

strumenti pratici di counseling e coaching

Per un’idea più concreta di alcuni strumenti pratici di counseling e coaching, invito a dare un’occhiata al mio video corso gratuito dal titolo “Prova a Cambiare”, che parla tra le altre cose di:

 
 

…e molto altro ancora, in continuo aggiornamento!

Guarda il mio videocorso gratuito

Guarda il mio videocorso gratuito dai video sottostanti oppure direttamente dal mio canale youtube.

Attenzione: la professione del counselor non è regolamentata...

La professione del counselor, come quella del coach, non è ad oggi regolamentata, pertanto, chiunque in Italia oggi può definirsi tale. Alla luce di questo dato di realtà, occorre sottolineare i vantaggi di fare counseling con uno psicologo e psicoterapeuta sono molteplici, poichè a differenza dei counselor “generici”, ossia non iscritti ad alcun albo professionale, lo psicologo ha una formazione più completa e approfondita, frutto di anni di studi (oltre 10 anni) che permettono di indagare a diverse profondità le istanze e problematiche portate.

Di seguito, tratto da wikipedia, la definizione di Counseling prima e di Coaching successivamente.

Il Counselor

Il termine counseling (o anche counselling secondo l’inglese britannico) indica un’attività professionale che tende ad orientare, sostenere e sviluppare le potenzialità del cliente, promuovendone atteggiamenti attivi, propositivi e stimolando le capacità di scelta. Si occupa di problemi non specifici (prendere decisioni, miglioramento delle relazioni interpersonali) e contestualmente circoscritti (famiglia, lavoro, scuola).

(…) L’attività di counseling è svolta da un counselor, un professionista in grado di aiutare un interlocutore in problematiche personali e private. In base al bagaglio di abilità possedute, le competenze proprie all’attività di counseling possono essere presenti nell’attività di diverse figure professionali quali psicologi, medici, assistenti e operatori sociali, educatori professionali.

(…)La BACP (British Association for Counselling and Psychotherapy) fornisce la seguente definizione dell’attività di counseling: «Il counselor può indicare le opzioni di cui il cliente dispone e aiutarlo e seguire quella che sceglierà. Il counselor può aiutare il cliente a esaminare dettagliatamente le situazioni o i comportamenti che si sono rivelati problematici e trovare un punto piccolo ma cruciale da cui sia possibile originare qualche cambiamento. Qualunque approccio usi il counselor […] lo scopo fondamentale è l’autonomia del cliente: che possa fare le sue scelte, prendere le sue decisioni e porle in essere».
Analogamente AssoCounseling definisce l’attività di counseling come: «[…] un intervento informativo, esplicativo e di supporto finalizzato non tanto a trovare soluzioni, ma a far sì che il cliente mobiliti le proprie risorse per convivere meno dolorosamente con la propria situazione di vita reale nel quotidiano»

(…) Attualmente il counseling in Italia non è una professione regolamentata: lo Stato non indica cioè i requisiti minimi necessari per esercitarla. Non esiste alcuna normativa di riferimento, nessun percorso formativo obbligatorio né tanto meno l’obbligo per il professionista di iscrizione ad un qualche albo professionale. In questo quadro normativo «chiunque può definirsi counselor e asserire di esercitare il counseling».
Per il suo specifico settore di intervento il counselor non va confuso con altre figure professionali, quali, ad esempio: lo psicologo, lo psicoterapeuta, lo psichiatra o lo psicoanalista. Infatti l’attività di counseling non prevede l’utilizzo di tecniche e metodologie di intervento proprie delle figure professionali su citate quali, ad esempio: la somministrazione o prescrizione di farmaci, l’utilizzo di reattivi psicodiagnostici e, più in generale, quelle attività che nel dettaglio sono proprie della figura dello psicologo o del medico.

Il Coaching

Di cosa tratta nello specifico, invece, il coaching?

Vediamo una definizione tratta dal sito Wikipedia: “è una strategia di formazione che, partendo dall’unicità dell’individuo, si propone di operare un cambiamento, una trasformazione che possa migliorare e amplificare le proprie potenzialità per raggiungere obiettivi personali, di team, manageriali e sportivi.”

L’idea base è offrire al cliente strumenti che gli permettano di elaborare ed identificare i propri obiettivi e rafforzare la propria efficacia e la propria prestazione.

“Presupposto di partenza è che ogni persona abbia delle potenzialità latenti, l’obbiettivo del coach è quello di scoprirle ed insegnare al cliente come utilizzarle“.

Il Coaching può essere rivolto a imprenditori, manager, insegnanti, atleti e a tutti coloro che desiderano migliorare le performance e raggiungere obiettivi particolarmente sfidanti.

Iscriviti al corso di 3 mesi sul cambiamento


Ogni 3 giorni nella tua casella di posta, un video di 3 minuti per aiutarti a cambiare.


E' gratis e ti aiuterà
a vivere meglio.


ISCRIVITI