Psicologo Milano

Luca Mazzucchelli - "Lo psicologo che non usa il lettino..."

  
  
  
  
  

Psicologi e buoni pasto: come risparmiare sulle spese pasti

Oggi voglio parlarvi di un argomento non proprio tipico della nostra professione, ma che credo possa tornare utile a quei colleghi liberi professionisti che, come me, cercano sempre di ottimizzare la contabilità.

I più attenti già si ricorderanno di un video che feci assieme a Roberta Cacioppo dove fornivo 8 consigli allo psicologo su partita IVA per tenere al meglio la contabilità. Questo esperimento ebbe un discreto riscontro perchè molti psicologi poi mi scrissero per dire la loro idea su altre modalità per perfezionare questo discorso.

8 pillole fiscali per lo psicologo

Buoni pasto per psicologi?

Tra i vari suggerimenti inviatemi, uno in particolare catturò la mia attenzione. Per la verità già avevo sentito parlare di questa possibilità ma mai in maniera troppo convincente: comprare buoni pasto ad hoc per i liberi professionisti, acquisto scaricabile al pari di una fattura emessa da un ristorante.

Alcuni esempi sono questi:

Questo tema è a mio avviso di discreto interesse, anche se le voci che circolano sull'utilizzo di questi strumenti sono abbastanza varie e contrastanti.

Qui voglio riportare alcune indicazioni che ho accertato anche con l'aiuto del mio commercialista e che vogliono essere punto di partenza da arricchire magari anche con i vostri commenti o di chi li ha già provati e può fornire ulteriori indicazioni.

 

buoni pasto spar carniQuale vantaggio?

I buoni si scaricano nella stassa maniera (e misura) delle fatture dei pasti, e non danno da questo punto di vista diritto a detrazioni particolari o maggiori.

Richiedere fattura per le spese dei pasti è vantaggioso perchè è possibile recuperare l'iva della nostra spesa, e il costo può essere dedotto dall'imponibile irpef fino al 2% dei ricavi.

Tuttavia per spese di 5-10 euro, non sempre è facile trovare il tempo e la voglia per chiedere la fattura, e magari l'esercente stesso tende a storcere il naso per emettere fattura per somme così piccole. Pagando con i buoni pasto si bypassano questi inconvenienti e si avrà una fattura cumulativa dell'acquisto, che poi si utilizzera come e quando lo si desidererà.

Il vantaggio quindi indubbio è legato allo strumento più comodo e più sicuro da mettere in contabilità (se siete professionisti alle prime armi con la partita IVA vi suggerisco il webinar che ho gestito per conto dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, dove la nostra commercialista Anna Giostra fornisce alcune indicazioni base da conoscere).

 

Alcune osservazioni

Tra i servizi elencati ce ne sono diversi che caricano al cliente delle spese di spedizione (ticket restourant, ad esempio, chiede 9 euro) pertanto converrebbe comprare più blocchetti alla volta.

Ci sono però dei periodi con offerte dove la spedizione è gratuita, come nel caso di DAY Ticket, che invia via mail delle promozioni in tal senso se gli acquisti vengono effettuati in determinati giorni. 

Ho letto sul web di utilizzi anche estremi di questi strumenti, e mi chiedo anche quanto "legali" da un punto di vista fiscale: cederli a terzi e scaricarli come proprie spese personali, ad esempio, non è consentito, poichè i buoni sono personali.

Un punto sul quale ho sentito pareri contrastanti invece è relativo al loro utilizzo nei supermercati: qui ad esempio si legge che è consentito e anche su questo blog di day Ticket, ma mi chiedo in base a quale ratio uno possa poi scaricare le spese dei pasti per comprare anche oggetti venduti nei supermercati...

L'idea del buono pasto da spendere in questi contesti andrebbe interpretata per acquistare uno spuntino a ora di pranzo, e non sarebbe quindi corretto spenderlo per fare la spesa. Detto questo non so quanti controlli effettivi ci siano in questa direzione e se sia effettivamente possibile punire i trasgressori.

Conclusioni

Uno strumento nuovo da provare, con alcuni vantaggi palesi rispetto al classico modo di consumare e detrarre le spese dei pasti.

Aspetto vostri commenti, auspicati anche da parte di chi ha già provato questo strumento e abbia voglia di condividere la sua esperienza!

Luca Mazzucchelli

 

Ti è piaciuto l'articolo? iscriviti alla mailing list!

* indicates required
Su che argomenti vuoi restare aggiornato?

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

 

 

Parlano di me..

Copyright © 2013 - Psicologo Milano
A cura di Luca Mazzucchelli - Profilo Google
All Rights Reserved