Lacrime: l'analisi al microscopio rivela il motivo per cui le abbiamo versate - Psicologo Milano
cibo e mente
L’effetto sorprendente del cibo sulla mente: 10 incredibili scoperte
12 maggio 2014
voce psicologia
10 modi in cui la nostra voce influenza la mente degli altri
14 maggio 2014
Mostra tutto

Lacrime: l’analisi al microscopio rivela il motivo per cui le abbiamo versate

lacrime

Un giorno Rose-Lynn Fisher si chiese se le sue lacrime di dolore avessero un aspetto diverso rispetto alle sue lacrime di gioia e, per capirlo, iniziò a studiarle al microscopio.

Studiò 100 diverse lacrime e scoprì che le lacrime basali (quelle che il nostro corpo produce per lubrificare gli occhi) sono profondamente diverse da quelle che versiamo quando sbucciamo le cipolle. Allo stesso modo, la lacrime che scaturiscono dopo forti risate non sono minimamente paragonabili alle lacrime di dolore.

(…) Insomma, ogni piccola lacrima porta con sé un microcosmo di esperienza umana. Il suo progetto di chiama “La Topografia delle Lacrime”. Eccone un assaggio:

 

Lacrime basali

lacrime basali

 

Lacrime da cipolla

lacrime cipolle

 

Lacrime da risata

lacrime risate

Lacrime di dolore

lacrime dolore

 

Lacrime di cambiamento

lacrime cambiamento

 

Lacrime della fine e del nuovo inizio

lacrime della fine e dell inizio

 

Lacrime di liberazione

lacrime di liberazione

 

Lacrime da ricordo

lacrime di ricordo

 

Lacrime di speranza

lacrime di speranza

 

Joseph Stromberg (Smithsonian College) ha spiegato che ci sono tre tipi principali di lacrime: le lacrime basali (prodotte naturalmente per mantenere il grado di liquidità all’interno dell’occhio), le lacrime riflesso (prodotte in risposta alle irritazioni al fine di eliminare eventuali corpi estranei), le lacrime emotive (innescate da emozioni intense o stress psicologico).

Tutte le lacrime contengono sostanze organiche, compresi oli, anticorpi ed enzimi, in sospensione in acqua salata. I diversi tipi di lacrime hanno molecole distinte. Ad esempio, solo le lacrime emotive contengono ormoni polipeptidici, tra cui il neurotrasmettitore leucina encefalica, un antidolorifico naturale che viene rilasciato quando siamo stressati, allieva il dolore e dona sollievo.

Inoltre le lacrime viste al microscopio sono cristallizzazioni di sale, e possono assumere diverse forme. Così anche le lacrime emotive con la stessa composizione chimica possono sembrare molto diverse fra loro.

Fisher ha commentato: “Molti sono i fattori che intervengono: c’è la chimica, la viscosità, il setting, la velocità di evaporazione e le impostazioni del microscopio”.

 

Vai alla fonte in lingua originale

 

Il pianto è la prima modalità espressiva dell’essere umano: il neonato lo usa per esprimere pressochè tutti i suoi bisogni. Nel corso della vita, anche quando il linguaggio verbale è ampiamente acquisito, l’uomo continua ad usare il pianto per esprimere diverse sfumature emotive e comunicare sensazioni non facilmente traducibili in parole.

Su questo argomento, vi propongo alcuni stralci di un progetto artistico ad opera della fotografa Rose-Lynn Fisher, che ha osservato al microscopio lacrime di vario tipo e provenienza, dimostrando che esse, come i fiocchi di neve e le impronte digitali, sono molto diverse l’una dall’altra.

Vediamo così che le lacrime versate in seguito ad emozioni di vario genere sono diverse da quelle scaturite a causa degli irritanti contenuti nelle cipolle, che a loro volta sono diverse dalle lacrime “basali” prodotte per mantenere la cornea sufficientemente lubrificata…. Buona visione!

Luca Mazzucchelli

 

 

 

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.