Depressione Archivi - Psicologo Milano
7 gennaio 2016
benefici della tristezza

I benefici sorprendenti della tristezza

Quando nel 1861 il pittore inglese Samuel Palmer perse suo figlio 19enne, ne definì la morte “la catastrofe della mia vita”. In una lettera scritta ad un amico, il pittore descrisse così il suo dolore: “La scorsa notte ho sognato il mio adorato figlio. Era ancora vivo e ho gettato le mie braccia intorno al suo collo. Avendolo tra le braccia tutti i miei dubbi sulla sua morte e il funerale a Abinger erano scomparsi. Per un attimo, quando mi […]
10 febbraio 2015
disturbi alimentari

Depressione – il lato buono che non ti aspetti

Depressione: il lato buono che non ti aspetti – Intervista a Valeria Ugazio

A cura di  Luca Mazzucchelli

Il mio ospite di oggi…

valeria ugazioValeria Ugazio (Novara, 29 marzo 1949) è una psicologa italiana. Psicoterapeuta sistemico-relazionale e docente, è autrice di volumi e articoli sul tema. Insegna all'Università di Bergamo dove ricopre la carica di professore ordinario di Psicologia clinica presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. È membro del comitato scientifico di alcune riviste tra le quali: "Terapia familiare", "Psicoterapia", "Connessioni", "Human Systems. The Journal of Systemic Consultation" e “Journal of Constructivist Psychology”.

Se guardi questa intervista imparerai…

In questa intervista imparerai a conoscere gli aspetti più rilevanti della depressione, raccontata da Valeria Ugazio non solo nei suoi aspetti più critici, ma anche nei risvolti positivi che può avere. Conoscerai inoltre il ruolo di psicologia e psichiatria nella gestione di questa patologia negli ultimi anni.

Indice e minutaggio degli argomenti

00:00 introduzione - il lato salvifico della depressione

01:41 tipologie di depressione distimie vs depressioni cicliche

06:33 il lato geniale della depressione

07:53 depressione cronica: il caso di  V.Woolf e l’importanza dell’inclusione

09:38 Kirchner e l’importanza delle relazioni di coppia

11:13 depressione e psichiatria: quello che la serotonina non spiega

12:33 depressione e Prozac: un’operazione di marketing

16:08 la responsabilità della psicologia

18:01 il ruolo della serotonina: esperimenti

19:42 insonnia come campanello di allarme

20:52 rabbia come campanello di allarme

21:42 il ruolo della gelosia

{loadposition depressioneugazio}

6 febbraio 2014

Twitter, il nuovo strizzacervelli che scova i depressi?

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight: Il mio parere: l’articolo che segue, se letto per intero, sembra polemico e scettico circa l’utilità che le comunicazioni che avvengono sui social (ad esempio Twitter) possano avere per comprendere meglio i problemi di chi li abita. Io invece credo molto che – perfezionando gli strumenti oggi a disposizione – veramente si possano studiare interventi e strumenti ad hoc per prevenire disagi e aumentare il benessere. Per chi fosse interessato a sapere come immagino la psicologia […]
27 novembre 2013
umore e stagione

7 cose che (forse) non sai sui disturbi stagionali dell’umore

Arriva l’autunno, la brutta stagione e per molti l’umore peggiora. Per alcuni il disagio può sfociare in depressione, ansia e irritabilità. È la cosiddetta SAD (in inglese significa triste, ma sta per Sindrome Affective Disorder, in italiano disturbi stagionali dell’umore) che semplifichiamo in meteoropatia. Per i medici una delle possibili cause è la dalla mancanza di luce solare. «Non a caso per i disturbi stagionali uno dei rimedi più efficaci è la fototerapia», spiega Vincenzo Condemi, responsabile del Buiometeolab dell’Università di Milano.   1. Le […]
21 novembre 2013

Anche i papà soffrono di depressione post-partum

La depressione post-partum paterna è un problema familiare molto spesso misconosciuto, sottodiagnosticato e non adeguatamente trattato, mentre nelle neo-mamme è una condizione ben conosciuta e studiata.   (…) Un recente articolo pubblicato sulla rivista Journal of Pediatric Health Care ha classificato la sindrome da depressione paterna individuando i sintomi, le conseguenze familiari e gli eventuali trattamenti. Si tratta di un episodio depressivo maggiore che si verifica fino a 4 settimane dal parto, con un picco tra il 3° e 6° […]
10 novembre 2013

Ecco quando il pessimismo è come il colesterolo (buono)

Il mio parere: sembra che il pessimismo, come il colesterolo buono, sia stato sdoganato da un gruppo di studiosi che ne ha scoperto il ruolo efficace sul lavoro, proprio in quello che in teoria sarebbe il regno dell’ottimismo a tutti i costi, almeno come filosofia aziendale. Se è bene imparare l’ottimismo onde evitare poi le profezie che si autoavverano (vedi link ad articolo), è anche vero, citando Steve Jobs, che ricordarsi di dover morire è il modo migliore che si possa […]
10 novembre 2013

A Oristano riabilitano l’elettroshock: “Cura la depressione”

L’elettroshock? Una terapia efficace e sicura ma demonizzata perché alle sue spalle non c’è l’industria farmaceutica internazionale, che ha tutto l’interesse a cavalcare le resistenze legate a questo tipo di trattamento.  Secondo lo psichiatra Piergiorgio Salis, i più recenti studi statunitensi e inglesi provano che questo tipo di trattamento della depressione ha una maggiore rapidità d’azione, meno effetti collaterali e migliori risultati clinici rispetto alla terapia farmacologica. Ma c’é di più: per i medici del Servizio di Igiene Mentale dell’Asl […]
10 novembre 2013

Andare in pensione fa male alla salute

Un «declino drastico della salute»: questi sarebbero gli effetti dell’andare in pensione, secondo una ricerca dell’Institute of Economic Affairs (IEA), un think-tank di Londra. Lo studio ha messo a confronto persone che si sono ritirate dal mondo del lavoro con chi ha continuato a lavorare anche oltre l’età in cui normalmente si va in pensione, riscontrando impatti negativi sia sul piano della salute fisica che di quella psicologica tra coloro che avevano smesso di lavorare. Le conseguenze sulla salute sarebbero positive […]
10 novembre 2013

Psicoterapia multimediale per elaborare il lutto

La terapia proposta dal professor Nesci, per far ripartire la vita di un individuo congelato dal lutto di una persona cara, si svolge in 5 fasi: la presa in carico del paziente (durante la quale il terapista spiega il metodo che usera’); il lavoro sulle immagini (in cui il paziente, con l’aiuto di familiari e amici, porta in visione delle foto per lui significative, le condivide col terapista, evoca ricordi e rivive emozioni perdute); la scelta di una colonna sonora […]