Chi è il Paziente dello Psicologo? - Psicologo Milano
Scandalo nell’Arma: lo psicologo non deve essere retribuito…
10 novembre 2013
Premio State of Mind 2012: in palio premio da 500 e 800 euro per la Ricerca in Psicologia e Psicoterapia
10 novembre 2013
Mostra tutto

Chi è il Paziente dello Psicologo?

Il mio parere: in molti scrivono circa la differenza tra uno psicologo, uno psicologo-psicanalista, uno psichiatra e uno psicoterapeuta, ma in pochi su chi sia il suo paziente.

Questo breve articolo enuncia le cause per cui una persona dovrebbe o potrebbe aver bisogno di rivolgersi a un esperto senza per questo motivo considerarsi affetto da grave disturbo mentale o follia, come spesso è invece il credo comune.

Voto all’articolo 7/10

Tratto dall’articolo:

“Lo studio, denominato ESEMED-WMH (“European Study of the epidemiology of Mental Disorders – World Mental Health), ha coinvolto sei paesi Europei tra cui Italia, Belgio, Francia, Germania, Olanda e Spagna. Per il nostro paese è stato il primo sulla prevalenza dei disturbi mentali.

Tra il gennaio del 2001 e il luglio 2002 sono state condotte 4.712 interviste con un tasso di risposta pari al 71,3%. I risultati della ricerca mostrano che circa una persona su 5 almeno una volta nella propria vita ha sofferto di un disturbo psicologico.

 

Considerando che la ricerca di cui si parla ha indagato solo alcune classi di disturbi mentali tra cui i disturbi d’ansia (ansia generalizzata, disturbi da attacchi di panico, fobia semplice, fobia sociale, agorafobia, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbo post traumatico da stress), i disturbi affettivi (depressione maggiore e distimia) e l’abuso o dipendenza da alcool, sembra che siano molti gli Italiani che avrebbero potuto rivolgersi a uno psicologo almeno una volta nella vita.

A questi numeri aggiungiamo le dipendenze da internet, da slot machine, da gratta e vinci; aggiungiamo la crisi economica e la fragilità che essa genera; pensiamo ai giovani che nonostante titoli e riconoscimenti non riescono ad essere autonomi a chi perde il lavoro o a chi ne ha uno troppo stressante e lo fa magari anche per chi non lo trova.


Chi resta fermo con gli esami, chi si è innamorato e non trova una reciprocità di sentimenti, chi ha scoperto un tradimento, chi sta vivendo un lutto.

Penso alle donne che vivono maltrattamenti psicologici e fisici e non riescono ad uscirne, agli uomini che non riescono a superare la loro timidezza con il gentil sesso, penso a chi non riesce ad amarsi e nemmeno ad amare o a chi ha “deciso” che non lo vuole più fare.

 

Ma allora, dovremmo andarci tutti, per sempre?

 

Certo che no, il compito di un professionista della salute mentale non è rendere i suoi pazienti dipendenti ma fornire loro strumenti e risorse anche attraverso l’invio a un altro specialista, che li rendano capaci di affrontare eventuali crisi future.


Così come non tutti hanno necessità di affidarsi alle cure di un esperto in un momento difficile, molti ne avrebbero bisogno ma non lo fanno.


Ciò che importa è prendere in considerazione la possibilità di contattare un esperto senza escluderla a priori guidati dal pregiudizio arcaico che solo i “matti” vanno dallo psicologo, perchè stando ai dati di 10 anni fa, lo saremmo in tanti.”


Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

 

 

See on www.psicologa-salute-firenze.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.