Come accorgersi se l'amore cala... - Psicologo Milano
Psicologia e denaro: l’estate modifica il nostro rapporto con i soldi?
10 novembre 2013
Il tatuaggio: psicologia di un “marchio”
10 novembre 2013
Mostra tutto

Come accorgersi se l’amore cala…

Il mio parere: articolo interessante che indica una serie di parametri che sulla carta si possono monitorare per avere qualche spunto in più sulla propria situazione emotiva.

C’è da dire comunque che l’amore è un sentimento che cambia nel tempo, ed è giusto accettare tutte le evoluzioni che questo percorso di crescita comporta.

Voto articolo 7/10

Tratto dall’articolo:

“Alcuni specialisti affermano che la perdita dell’amore ha i suoi sintomi:

  • La perdita dell’allegria che provocava l’arrivo del partner.
  • Riduzione delle piacevoli fantasie che coinvolgono il partner e apparizione di scene piacevoli immaginarie che coinvolgono terzi.
  • Assenza di espressioni di affetto, elogi, regali.
  • Trascurare le necessità spirituali, sessuali, economiche, domestiche e fisiche dell’altro.
  • Evitare il contatto fisico con il partner.
  • Condivisione di esperienze negative che prendono il posto di quelle positive.
  • Comparsa di conflitti, recriminazioni, offese.
  • Valutazione negativa delle qualità fisiche e psicologiche del partner.
  • Intolleranza di fronte agli errori irrilevanti del partner.
  • Rifiuto sessuale che si esprime nella mancanza di iniziativa o cooperazione, riduzione del desiderio erotico, giungendo anche all’impotenza e all’anorgasmia.
  • Le manifestazioni d’amore vengono rimpiazzate da espressioni di noia, ansia, depressione, indifferenza o tristezza.
  • Si trascura la cura personale.
  • Infedeltà reale o immaginaria.”

See on angolo-psicologia.blogspot.fr

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.