Com’è mutato il cervello dei “nativi digitali”: più rapido e multitasking - Psicologo Milano
Medicinali e psiche: l’effetto nocebo dei farmaci
10 novembre 2013
Idee Natale – 4 Libri di psicologia da non perdere assolutamente
10 novembre 2013
Mostra tutto

Com’è mutato il cervello dei “nativi digitali”: più rapido e multitasking


Generazioni diverse, a partire dal cervello. Quello dei nativi digitali, ragazzini nati dopo il 2000, è differente rispetto a quello dei loro genitori: studi condotti in Asia hanno mostrato che siamo di fronte a una mutazione, una sorta di evoluzione dell’umanità, diventata mentalmente più rapida e davvero multitasking.

Parliamo di ragazzini cresciuti a latte e tablet, in grado fin da piccoli di integrare meglio realtà e tecnologie, dominandole e rischiando molto meno rispetto agli altri di sviluppare una dipendenza da Internet, chat e giochi online.

I nativi digitali, cresciuti con una dieta di tablet, videogiochi e computer, ormai sono dotati di un cervello più percettivo e meno simbolico rispetto a quello, per capirci, dei loro genitori.

Si tratta di bambini e ragazzini davvero multitasking, in grado di distribuire l’attenzione su 4-5 dispositivi allo stesso tempo: studiano, ascoltano la musica, rispondono agli sms e guardano Facebook sul pc, senza nessuna difficoltà.

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

Cambiano i tempi, le generazioni e lemodalità attraverso el quali le persone fruiranno le informazioni loro utili.

Anche la psicologia deve andare sempre più in una direzione 2.0, cercando di andare verso il disagio attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, parte sempre più integrante della nostra vita.

See on lastampa.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.