Disturbi alimentari, in Italia sempre più casi di anoressia e bulimia - Psicologo Milano
Naufragi: prima le donne e i bambini? No, a sopravvivere di piu’ sono uomini e membri dell’equipaggio
10 novembre 2013
Cancro: l’influenza delle aspettative sull’esito terapeutico
10 novembre 2013
Mostra tutto

Disturbi alimentari, in Italia sempre più casi di anoressia e bulimia

Il mio parere: nonostante siano in netto aumento i casi di maschi che soffrono di disturbi alimentari, questa patologia colpisce soprattutto le donne.

Il 6% delle giovani donne italiane tra i 12 e i 25 anni soffre di disturbi alimentari.

A tracciare i contorni di questo preoccupante fenomeno è il presidente della Società italiana per lo studio dei disturbi del comportamento alimentare (Sisdca), Nazario Melchionda, professore associato di endocrinologia all’Università di Bologna.

Sull’argomento invito alla lettura dell’articolo della collega Alessia Besana  “Il ruolo della donna e i disturbi alimentari nel quale si analizza il collegamento tra la patologia anoressica e gli elementi socio-culturali della società passata e odierna.

Voto all’articolo 7/10

Tratto dall’articolo: “Questi i numeri: l’incidenza dell’anoressia è pari allo 0,5%, quella della bulimia tra l’1 e il 2% e quella degli altri disturbi alimentari non altrimenti specificati (i cosiddetti “Ednos”, Eating disorders not otherwise specified) tra il 3 e il 4%.

I settori in cui il problema è più diffuso sono quelli della moda e dello sport (soprattutto nella danza) e se si tiene conto anche delle situazioni non ancora patologiche, la percentuale delle giovani che ne soffre arriva al 10%. Ciò non significa, però, che sia l’anoressia il problema più diffuso.

Piuttosto, è quello più immediatamente visualizzabile. La bulimia è, invece, una malattia più “subdola” che può essere tenuta nascosta per anni da chi ne soffre.

Non solo, ma è raro avere a che fare con un’anoressia “pura” e, in genere, bastano 6 mesi perché chi è anoressico diventi anche bulimico.

Purtroppo però, mentre chi soffre di bulimia può rendersi più facilmente conto di stare male ed avere bisogno di aiuto, la paziente anoressica è convinta di stare bene.

E se, ormai, sono passati i tempi in cui l’essere grassi era considerato sintomo di benessere, non sembra proprio che ci si sia resi conto che anche la magrezza a tutti i costi non è la scelta migliore per chi vuole mantenersi in salute.”

Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

See on www.benessereblog.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.