L'ironia del lutto - Psicologo Milano
Anoressia Nervosa: cause, incideneza e quadro clinico
29 luglio 2013
superare il lutto
In quanto tempo si supera un lutto importante?
29 luglio 2013
Mostra tutto

L’ironia del lutto

 

elaborazione lutto perditaL'ironia del lutto

Le perdite sono le ombre di tutti i possessi, materiali e immateriali”. Con questa metafora, Carlos Sluzki[1] evidenzia che così come l'ombra affianca costantemente il nostro corpo, anche la certezza che prima o poi perderemo qualcuno (o qualcosa) ci accompagna inevitabilmente: non si tratta di una componente opzionale dell’esperienza umana, ma di una sua parte inevitabile e costitutiva. Il “lutto” è  il periodo di tempo e l’insieme di emozioni, riti sociali, ma soprattutto dolori personali che succedono ad una perdita importante.

 

elaborazione lutto perditaL’ironia del lutto

Le perdite sono le ombre di tutti i possessi, materiali e immateriali”. Con questa metafora, Carlos Sluzki[1] evidenzia che così come l’ombra affianca costantemente il nostro corpo, anche la certezza che prima o poi perderemo qualcuno (o qualcosa) ci accompagna inevitabilmente: non si tratta di una componente opzionale dell’esperienza umana, ma di una sua parte inevitabile e costitutiva. Il “lutto” è  il periodo di tempo e l’insieme di emozioni, riti sociali, ma soprattutto dolori personali che succedono ad una perdita importante.
In lingua norvegese, la parola “lutto” è tradotta con “strappo”e “rottura”, e questo rendere bene l’idea di quello che si prova in seguito alla morte di una persona amata, soprattutto quando la scomparsa avviene in modo improvviso e inaspettato: il lutto è essenzialmente un’esperienza di mutilazione e profondo dolore, che ci fa sentire privati di parti insostituibili e irrecuperabili della nostra vita. Proprio la consapevolezza di aver perso in modo definitivo una persona amata spiega come mai, nonostante il dolore sconvolgente e dilaniante che si radica nei nostri sentimenti, tendiamo comunque a non separarci dal lutto: se vogliamo c’è anche una sorta di ironia in tutto questo, dal momento che solitamente tendiamo a rimuovere i ricordi. Il lutto invece no, lo conserviamo e lo difendiamo dall’oblio, perché in fondo è il modo per mantenere il legame con la persona che ora non c’è più. Spesso si tratta di preservare in noi un vuoto che non si vuole riempire, per difendere lo spazio e la memoria di chi abbiamo perso.

Dott. Emanuele Zanaboni

Riferimenti bibliografici[2]

BOWLBY, J.,  Attaccamento e perdita. Vol. 3, Bollati Boringhieri, Torino, 1983.

NEIMEYER R., Lessons of loss: A guide to coping, Brunner Routledge, New York, 2000.     



[1]  Psicoterapeuta sistemico-relazionale, negli anni ’60 ha collaborato con Gregory Bateson presso il  Mental Research Institute di Palo Alto (California) contribuendo a fare del centro la culla del pensiero sistemico-relazionale. Sluzki è stato direttore del MRI nei primi anni ’80 e attualmente si occupa anche di terapie con rifugiati e vittime di tortura.

 

[2] Un grazie sincero al dott. Primo Gelati, terapeuta familiare e psicologo presso l’hospice dell’ospedale di Legnano, a cui vanno i miei più sentiti e sinceri ringraziamenti per aver messo con passione la propria esperienza a disposizione.

 

 

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? iscriviti alla mailing list!

* indicates required
Su che argomenti vuoi restare aggiornato?

 

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.