Knockout-game: vogliono picchiarlo, ma lui è un ex pugile. Youtubers in ospedale - Psicologo Milano
chiedere scusa
Sai come chiedere scusa? 6 step per farlo in modo efficace
5 aprile 2014
Usa choc: fai molti Selfie? Secondo l’APA soffri di disturbi mentali
7 aprile 2014
Mostra tutto

Knockout-game: vogliono picchiarlo, ma lui è un ex pugile. Youtubers in ospedale

Negli Usa, dove il gioco ha già raggiunto il suo picco di “popolarità”, l’Fbi ha aperto un’indagine sul fenomeno sociale. In Italia invece ancora nessuna dichiarazione da parte delle autorità, ma gli episodi nei quali dei passanti vengono picchiati da ragazzini senza alcun motivo apparente -il Knockout-game per l’appunto- si stanno moltiplicando.

Roma,Susa e Castellammare, Venezia, Brescia: queste le città nelle quali si sono verificati le prime denunce. In America spesso i giovani provvedono a filmare l’accaduto e a postarlo sui social network di riferimento, in particolare YouTube. E quindi, come quasi sempre, quello che viene fatto dai ragazzi americani è imitato dai nostri giovani concittadini.

Un giovane youtuber, del quale possiamo solo rivelare che il nome sia D. A., ha cercato di diventare il pioniere di questa tipologia di video in Italia. Coinvolti due amici, e imbracciata la telecamera, si è diretto verso il centro di Ancona. Una volta trovato una possibile preda i tre hanno agito: due picchiavano, uno filmava.

Le cose però hanno preso subito una brutta piega per i tre giovani: il malcapitato passante, nonostante il fisico non imponente, era infatti un ex pugile italiano campione dei pesi mosca a livello amatoriale. La polizia, accorsa attirata dalle grida dei tre, ha dovuto staccare l’ex pugile con le maniere forti.

I tre ragazzini, due dei quali minorenni, ora sono ricoverati in Ospedale, e non appena verranno ritenuti in grado di uscire saranno ascoltati da un assistente sociale che valuterà la loro pena. (…)

Vai all’articolo originale

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

Dopo i morti a seguito delle NEKNOMINATION (gare alcoliche su facebook in cui i ragazzi si videoregistrano e si sfidano tra loro mentre bevono tutto d’un fiato bottiglie di birra) ecco un altro esempio di come i video su youtube possano creare situazioni problematiche, per giunta emulate dai più stupidi.

Certo non vuole essere questo un attacco a youtube, che invece ha le possibilità di renderci più informati e consapevoli, ma di come alcune persone decidono di sfruttare il potere delle nuove tecnologie.

E ovviamente un attacco al bullismo, che si coniuga purtroppo molto bene con i nuovi socialnetwork.

Qualche settimana fa ho provato a lanciare un’alternativa alle neknomination, le psynomination. Per saperne di più e fare la tua puoi guardare questo brevissimo video

See on www.ilfalloquotidiano.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.