La psichiatria non confonda lutto e depressione - Psicologo Milano
Esistono i limiti?
10 novembre 2013
Non si è mai troppo vecchi per un cervello giovane
10 novembre 2013
Mostra tutto

La psichiatria non confonda lutto e depressione

Ennesimo grido allo scandalo rispetto a come la nuova edizione del DSM-V, il più diffuso manuale di diagnostica psichiatrica, abbia intenzione di classificare qualsiasi stato di prostrazione psichica al pari della depressione.

Gli interessi delle case farmaceutiche rischiano di falsare le diagnosi per aumentare i criteri di inclusione e aumentare di conseguenza le vendite.

Ho già parlato ampiamente qui del fenomeno della depressione e psicofarmaci, per cui pare non si abbia più diritto a essere tristi, perchè tutto è classificabile come depressione.

Voto articolo 9/10

Luca Mazzucchelli

Tratto dall’articolo

Un editoriale apparso su “The Lancet” che esprime preoccupazione per la prossima edizione, la quinta, del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali.

Sentimenti di profonda tristezza, perdita, insonnia, pianto, incapacità di concentrarsi, stanchezza e mancanza di appetito che continuino per più di due settimane dopo la morte di una persona cara, possono essere diagnosticati come depressione, anziché come una normale reazione di dolore.

La medicalizzazione del cordoglio, per cui viene legittimato il trattamento regolare con antidepressivi, per esempio, non è solo pericolosamente semplicistica, ma è anche scorretta. Non c’è una base di conoscenze per trattare le persone colpite da un recente lutto con un normale protocollo antidepressivo.

Leggi tutto l’articolo

See on www.lescienze.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.