La psicoanalisi cambia davvero il cervello? - Psicologo Milano
Dolore e psicologia: attenzione all’effetto catastrofe
10 novembre 2013
(R)Incomincia la scuola: consigli per i genitori…
10 novembre 2013
Mostra tutto

La psicoanalisi cambia davvero il cervello?

Il mio parere: belle notizie dal versante scientifico sostengono il potere della parola nel cambiare anche da un punto di vista tangibile il nostro assetto mentale.

Sono anche curioso di vedere gli sviluppi che questo studio scientifico avrà, dato che mi sembra strano che solo stimoli che vanno ad agire sul nostro inconscio sarebbero in grado di modificare l’attività cerebrale. 

Ulteriore spunto di riflessione potrebbe partire dalla domanda: quali sono gli stimoli capaci di farci effettuare riflessioni inconsce?

Voto articolo 8/10

Tratto dall’articolo:

“Al 101° Congresso dell’American Psychoanalytic Association di Chicago uno studio dei ricercatori dell’Università del Michigan diretti da Howard Shevrin ha scoperto che l’attività elettrica cerebrale, specchio della conformazione dei neuroni, si modifica soltanto a seguito di stimolazioni conflittuali subliminali, cioè di stimoli che vanno ad agire sul nostro inconscio.

Oggi psicoanalisi, psicologia cognitiva e neuroscienze convergono sempre di più nel dimostrare l’importanza dei meccanismi inconsci che, come pensava il padre della psicoanalisi, connettono psiche e cervello.

Le conferme delle basi biologiche di psicoterapie e trattamenti psicodinamici continuano ad accumularsi e sono ormai almeno una decina gli studi clinici controllati che lo testimoniano.”

Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

See on www.corriere.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.