Leiweb- il marketing olfattivo.... - Psicologo Milano
Secolo XIX – come gestire la rabbia tra genitori e figli
22 marzo 2012
Compiti a scuola: giusto o sbagliato?
1 maggio 2012
Mostra tutto

Leiweb- il marketing olfattivo….

webmarketing olfattivoEcco un'intervista che ho rilasciato a Leiweb.it in cui si racconta del marketing olfattivo e di come sia sempre più importante fare calare i potenziali acquirenti in esperienze che siano capaci di coinvolgere a 360 gradi la persona, catturandola e restando impresse nella sua memoria.

L'originale può essere letto a questo link, a firma di Elena Montano.

Buona lettura,

Luca Mazzucchelli

webmarketing olfattivoEcco un’intervista che ho rilasciato a Leiweb.it in cui si racconta del marketing olfattivo e di come sia sempre più importante fare calare i potenziali acquirenti in esperienze che siano capaci di coinvolgere a 360 gradi la persona, catturandola e restando impresse nella sua memoria.

L’originale può essere letto a questo link, a firma di Elena Montano.

Buona lettura,

Luca Mazzucchelli

Un profumo irresistibile
Se cedete facilmente agli acquisti, la colpa potrebbe non essere solo vostra: a volte sono i profumi a spingere agli acquisti…

Aroma di pane e cioccolato e odore di campi nei supermercati. Fragranze accattivanti nelle boutique e durante le sfilate di moda, essenze di arancio e lavanda negli alberghi e perfino odore di piña colada nei negozi di giocattoli. Forse non ci si fa caso, ma quando si entra in un luogo che non sia una profumeria e si annusa una fragranza particolare, non è perché il gestore di quel locale ci tiene a mantenere gradevole l’aria. L’obiettivo, di solito, è un altro: stimolare agli acquisti

Come? Con vere e proprie strategie di “marketing olfattivo” che, come spiega Giorgio Mandarano di Oikos Fragrances, società leader nella progettazione di profumazioni d’ambiente: «Servono a rendere piacevole e prolungata la permanenza e a creare un legame indelebile tra il luogo e il profumo e, nel tempo, tra i clienti e quel prodotto o brand». Negli ultimi anni, sempre più multinazionali, gestori di alberghi, esponenti del mondo della moda e proprietari di negozi hanno richiesto il loro intervento, «perché – dice Mandarano – si è capita l’importanza della percezione che i consumatori hanno della merce in vendita o dei servizi offerti». E il meccanismo psicologico che si innesca nella mente dei consumatori è molto semplice. 

«Quando siamo catturati da una fragranza, non è coinvolto soltanto il nostro olfatto», afferma lo psicologo e psicoterapeuta Luca Mazzucchelli. «Si agisce su uno spazio emotivo superiore e si vive un’esperienza a 360°, perché – spiega – la nostra memoria associa gli odori a eventi o ricordi passati». «Questi stimoli sensoriali così forti e personali ci permettono di essere coinvolti maggiormente e positivamente nella situazione in cui ci troviamo e, per questo, siamo più propensi ad acquistare», conclude Mazzucchelli. 

Ed è così che, stando alle ultime tendenze, i supermercati utilizzano fragranze che rimandano alla natura e ai campi per spingere i clienti a rallentare l’andatura, o di pane e cioccolato per far aumentare l’appetito; alcune boutique femminili nebulizzano un’acqua di colonia aromatizzata ai feromoni, che stimola il possesso; gli hotel, con le loro essenze rilassanti e familiari, rendono più piacevole il soggiorno, invogliando a tornarci. Fino all’Inghilterra, dove si è sperimentato che l’aroma della piña colada trattiene più a lungo i genitori nei negozi di giocattoli, per la felicità di tutti i bambini.  

Ma il potere delle sensazioni olfattive è ritenuto valido anche sul lavoro, tanto da essere usato dalle aziende per promuovere il benessere e aumentare la produttività negli uffici. Lo sanno bene in Giappone , dove si inizia la giornata con una fresca e delicata fragranza al limone; eucalipto, salvia e verbena per aumentare la concentrazione; essenza di cipresso, energizzante, per far passare la sensazione di sonnolenza dopo pranzo e nelle riunioni e infine l’odore di fiori, per prolungare la resistenza fino alla sera. 

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.