Medicinali e psiche: l'effetto nocebo dei farmaci - Psicologo Milano
Troppa diplomazia fa male alla salute: cosa fare per cambiare?
10 novembre 2013
Com’è mutato il cervello dei “nativi digitali”: più rapido e multitasking
10 novembre 2013
Mostra tutto

Medicinali e psiche: l’effetto nocebo dei farmaci

Effetto nocebo: ovvero suggestionarsi talmente tanto quando si viene a conoscenza degli effetti collaterali di un farmaco, da procurarseli realmente.


E’ per questo motivo che i ricercatori del National Institutes of Health di Bethesda, guidati da Luana Colloca, hanno messo in discussione il comportamento di molti medici di spiegare al paziente quelli che potrebbero essere gli effetti non voluti di un trattamento.

“L’effetto nocebo, così come l’effetto placebo, essendo basato sulla suggestione, può attivarsi, soprattutto quando si tratta di dolore, semplicemente perché si crea nel paziente l’aspettativa che un qualsiasi stimolo innocuo aumenterà il livello del dolore che sta provando. Creare quindi aspettative negative fa sì che risulti amplificata la spiacevolezza di uno stimolo innocuo, come viene rilevato attraverso misurazioni psicofisiche del dolore”


Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

Si parla sempre molto dell’effetto placebo, mettendo in secondo piano un altro fenomeno che ai tempi di internet in particolare è sempre più diffuso.

Internet ci permette infatti di approfondire le nostre fantasie catastrofiche e terrorizzarci anche quando potremmo farne a meno.

Ecco che questa tendenza a concentrarsi sui rischi e pericoli invece che sulle opportunità ed effetti benevoli può portare a complicazioni anche serie.

See on www.wellme.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.