Mio figlio è stato bocciato. Come è giusto reagire? - Psicologo Milano
Vogue Italia, basta modelle troppo magre, troppo giovani o con problemi alimentari
10 novembre 2013
Guida pratica per riconoscere e difendersi dallo stalking
10 novembre 2013
Mostra tutto

Mio figlio è stato bocciato. Come è giusto reagire?

Il mio parere: la fine della scuola non è per tutti un bel momento, ma spesso soltanto una dura resa dei conti di quel che si è fatto (e non) durante l’anno scolastico.

Per essere d’aiuto ai propri figli è bene assumere un atteggiamento “costruttivo” più che punitivo, senza per questo rinunciare ad essere normativi.

Ogni bocciatura è a sè, per questo può essere utile capire insieme al proprio figlio se si tratti di una bocciatura “inspiegabile”, oppure, più semplicemente “evitabile”.

L’articolo presenta un utile vademecum per mamme e papà “delusi”.

Voto all’articolo 8/10

Tratto dall’articolo:

“I ragazzi vanno sostenuti psicologicamente. Ma anche puniti, se necessario, in modo costruttivo: inutile costringerli a tre mesi solo sui libri.

Utile, invece, togliere internet e telefonino per sottolineare la gravità della bocciatura.

Quando i genitori hanno la capacità di spiegare ai ragazzi ciò che è avvenuto considerando più le dimensioni interne (capacità, impegno, competitività) invece che esterne (richieste eccessive da parti degli insegnanti), sono di maggiore aiuto.

Il passo successivo è studiare insieme una strategia per affrontare la situazione.

Ma è meglio farlo un paio di settimane dopo la pagella: il ragazzo, infatti, deve avere il tempo di metabolizzare il ‘colpo’ emotivo e pensare.

In ogni caso l’arrabbiatura di mamma e papà per l’insuccesso “è sana”.

Anche se si deve evitare che il giudizio espresso si concentri sulla persona.

Il giudizio, netto e duro, deve limitarsi ai comportamenti (ad esempio: non ti sei impegnato abbastanza) e non sulla persona (sei fannullone). Solo in questo modo è possibile indurre l’idea che cambiare è possibile: il comportamento può essere infatti migliorato, mentre se ci si sente ‘sbagliati’ è più difficile pensare di farcela.

Ma in ogni caso la bocciatura non va negata: una punizione è utile soprattutto nei casi in cui il ragazzo sembra non dare importanza all’accaduto. Ma esagerare, con un rimprovero continuo, può essere controproducente.

Leggi tutto l’articolo
Luca Mazzucchelli

See on www.iltempo.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.