Paura e panico, nel cervello prendono strade diverse - Psicologo Milano
I lavori più richiesti del futuro: c’è lo psicologo
10 novembre 2013
Guide pratiche per la gestione dell’ansia
11 novembre 2013
Mostra tutto

Paura e panico, nel cervello prendono strade diverse

C’è paura e paura. La sensazione di spavento scatenata da stimoli esterni, visivi o uditivi, e qualcosa di più intenso e profondo, legato invece a quello che succede all’interno del nostro corpo.


Seguono percorsi diversi e fanno riferimento a centri differenti: la scoperta si deve a John Wemmie, della University of Iowa e potrebbe aiutare ad affrontare in modo più mirato gli attacchi di panico o sensazioni come la sindrome da stress post-traumatico e altre condizioni legate all’ansia. 


L’area cerebrale della paura è da anni collegata all’amigdala, che si attiva in risposta a stimoli esterni e prontamente manda il segnale di allarme ad altre aree neurali che preparano il corpo a reagire, di solito con la fuga o con l’attacco.


Tante patologie sono legate a disfunzioni dei meccanismi ‘salvavita’ della paura: ad esempio la sindrome da stress post-traumatico, in cui è come se il pulsante della paura fosse sempre acceso, anche quando non c’è nulla da temere, oppure gli attacchi di panico.


Ma l’amigdala non è la sola ad attivarsi in presenza di sensazioni di paura.


Leggi tutto l’articolo

See on www.repubblica.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.