Il modello di intervento OISE per la promozione della salute e la prevenzione dei disturbi alimentari nella scuola media: i risultati di 3 anni di lavoro - Psicologo Milano
L'intervento del giovane psicologo nei contesti delle gravi necessità
31 agosto 2010
Promuovere la salute con le nuove tecnologie: 'Genitori si diventa' per I-Phone”
31 agosto 2010
Mostra tutto

Il modello di intervento OISE per la promozione della salute e la prevenzione dei disturbi alimentari nella scuola media: i risultati di 3 anni di lavoro

Lorenzini P., Mazzucchelli L., Schneider M., “Il modello di intervento OISE per la promozione della salute e la prevenzione dei disturbi alimentari nella scuola media: i risultati di 3 anni di lavoro”, pagg. 277-278. In Franco Angeli (2010) “9° Congresso Nazionale: la psicologia della salute tra ricerca e intervento nei servizi sociosanitari, nella comunità, nei luoghi di lavoro e nella scuola” a cura della Società italiana di psicologia della salute (a cura di) Paride Braibanti.
Scarica il poster presentato in Università in occasione del IX convegno Nazionale sul Benessere Psicologico promosso dalla Società Italiana di Psicologia della Salute
 
Il Gruppo “OISE” nasce nel 2004, è composto da psicologi, psicoterapeuti e pedagogisti formatisi in ambito sistemico-relazionale. OISE è un intervento di educazione affettiva e alimentare per l’età evolutiva. La finalità è prevenire i disturbi alimentari nei ragazzi attraverso la conduzione di interventi volti a sviluppare maggiore consapevolezza nell’alimentazione ed un rapporto più armonico ed equilibrato con il cibo.

Il Progetto OISE ha una durata di 3 anni: si articola infatti lungo un percorso che segue un preciso itinerario metodologico e di contenuto.

Cardine del metodo è la condivisione: ricercata con gli insegnanti, con le famiglie e con gli alunni, nella convinzione che sia proprio questa la via più efficace per realizzare un concreto miglioramento nella cultura dell’alimentazione per le nuove generazioni.

L’efficacia dei laboratori OISE è stata verificata nel 2008, al termine del primo ciclo di interventi (2005-2008), attraverso una procedura sperimentale controllata. A tal fine è stato creato un questionario di cinque domande aperte volto a misurare le idee dei ragazzi rispetto all’alimentazione e al rapporto tra cibo ed individuo.

Sono state coinvolte quattro classi terze di un Istituto del centro di Milano: una classe che ha seguito il programma OISE ed un gruppo di controllo composto da tre classi terze che non hanno partecipato a nessun laboratorio.

La valutazione dei risultati è  stata effettuata da tre Giudici indipendenti ai quali è stato chiesto di lavorare in modo individuale, in luoghi e tempi diversi, al fine di rendere maggiormente oggettive le valutazioni (poi confrontate ed intercorrelate, per una più alta affidabilità dei dati).

Ai Giudici è stato chiesto nello specifico di analizzare le risposte fornite dai ragazzi assegnando ad ognuna un punteggio da una griglia. La griglia era composta per ogni domanda da sottocategorie progressive rispetto all’acquisizione di un determinato concetto.

Nel Gruppo Sperimentale è emerso che la consapevolezza dell’esistenza di uno stretto rapporto tra individuo, emozioni e cibo è superiore a quanto riscontrato nel Gruppo di Controllo, e le risposte sono riconducibili a livelli medio-alto nella maggioranza dei casi.

Alla luce di quanto detto la differenza nella capacità di mentalizzare ed esprimere i contenuti relativi al rapporto tra individuo e cibo appare chiara e superiore nel GS, ed invece inferiore nel GC.

I risultati emersi appaiono anche ad un riscontro statistico particolarmente significativi, ed alla luce delle considerazioni sulla eziopatogenesi dei disturbi alimentari, l’aver frequentato il Progetto OISE può ben ritenersi un fattore di protezione.
 

BIBLIOGRAFIA

– Hilde Bruch. (2003). La gabbia d’oro. L’enigma dell’anoressia mentale. Milano. Feltrinelli.

– Gianna Williams et al. (a cura di). (2007). I disturbi alimentari nell’adolescenza. La generosità dell’accettare. Milano. Mondadori.

– Emilia Costa, Camillo Loriedo (a cura di). (2007). Disturbi della condotta alimentare. Diagnosi e terapia. Milano. Franco Angeli.

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.