Psicologia del lavoro...what? - Psicologo Milano
disturbo ossessivo compulsivo
Disturbo Ossessivo Compulsivo: significato e trattamento
29 luglio 2013
Emozioni difficili, emozioni di crescita…
29 luglio 2013
Mostra tutto

Psicologia del lavoro…what?

Di cosa si occupa lo psicologo del lavoro?

Quando si chiedono informazioni in merito a cosa concretamente faccia lo psicologo del lavoro, la risposta si riferisce di solito esclusivamente alla "selezione del personale". Ma essere uno psicologo del lavoro vuol dire davvero solo questo?
Il primo caso in cui uno psicologo è stato chiamato ad utilizzare il proprio background culturale non per le esigenze di un singolo, ma per quelle di un intero ente organizzativo in effetti la competenza richiesta allo psicologo riguardava principalmente la selezione del personale attraverso la misurazione delle caratteristiche psicologiche delle persone.

Di cosa si occupa lo psicologo del lavoro?

Quando si chiedono informazioni in merito a cosa concretamente faccia lo psicologo del lavoro, la risposta si riferisce di solito esclusivamente alla “selezione del personale”. Ma essere uno psicologo del lavoro vuol dire davvero solo questo?
Il primo caso in cui uno psicologo è stato chiamato ad utilizzare il proprio background culturale non per le esigenze di un singolo, ma per quelle di un intero ente organizzativo in effetti la competenza richiesta allo psicologo riguardava principalmente la selezione del personale attraverso la misurazione delle caratteristiche psicologiche delle persone.

Più precisamente nel 1917 l’America entra in guerra, ma non avendo mai costituito un esercito di leva, si è trovata nella necessità di selezionare decine e decine di migliaia di soldati di diversa provenienza geografica, abitudini, età, sesso, capacità professionale e grado di istruzione, per una vasta serie di impieghi specifici.
L’introduzione dello studio delle differenze individuali fa emergere chiaramente le lacune dell’approccio Taylorista in quanto in una azienda bisogna considerare l’insieme dei lavoratori nel complesso delle sue componenti, come una macchina, come il corpo umano, tutto deve essere coordinato nel migliore dei modi al fine di favorire sia il massimo benessere per le persone che lavorano, sia il massimo vantaggio per l’organizzazione.

Oggi la psicologia del lavoro e delle organizzazioni è insegnata in tutti i corsi di laurea italiani di psicologia, ed è stato anche attivato lo specifico corso di laurea denominato “Psicologia del lavoro e delle organizzazioni“ indirizzo che rappresenta il curriculum formativo degli psicologi che intendono operare in questo campo.
La realtà lavorativa dello psicologo del lavoro è molto dinamica e per questo si è lontani dall’idea di “posto fisso”. La figura dello psicologo del lavoro è riconducibile a 3 Macro Aree: Ricerca e selezione del personale, Formazione e Marketing poi, a seconda dell’area nella quale ci si trova ad operare, le mansioni, quindi il tipo di giornata, cambiano profondamente.

Ecco un esempio di alcune giornate tipo dello psicologo del lavoro

Giornata tipo 1 (Frenquenza 2gg/settimana):
Sveglia ore 7.00: Colazione
Ore 9.00: Ufficio
Burocrazia legata ai corsi(3h),
screening curricula (1h),
progettazione dei corsi di formazione(2h),
riunione staff(30m),
un’oretta per verificare le attività del giorno successivo(1h)
Ore 17.30: Back home

Giornata tipo 2 (Frequenza2gg/settimana)
Sveglia ore 6.00: colazione
Ore 7.00: imbocco l’autostrada per raggiungere Azienda/Ente/Gruppo
Ore 9.00: entro in aula (da solo se docente singolo o con il docente per tutoraggio) per fare lezione
Ore 11.00: pausa caffè
Ore 13.00: pausa pranzo
Ore 14.00: ripresa della lezione
Ore 16.00: pausa caffè
Ore 18.00: Uscita

Giornata tipo 3 (Frequenza 1gg/settimana)
Sveglia ore 7.00: Colazione
Ore 9.00: cliente numero 1 per Follow Up su un determinato corso
Ore 11.00: caffè con un possibile cliente/fornitore (P.R.)
Ore 12.00: ufficio per sistemare alcune carte e coordinarsi con gli altri colleghi
Ore 13.00: pranzo
Ore 13.30 à nuovamente in ufficio
Ore 14.30 à appuntamento con un altro cliente per individuare i campi e delineare un percorso insieme
ore 16.30 à pausa caffè (con il cliente)
Ore 17.00 à ufficio e condivisione delle informazione con tutti
Ore 17.30 à back home.

Ma perché eventuali imprenditori e datori di lavoro dovrebbero assumere uno psicologo del lavoro?

Alcune persone temono irrazionalmente che uno psicologo possa inventare problemi che non esistono, ma in realtà è la loro stessa paura di non essere in grado di stare al passo con i tempi proietta sulla figura che rappresenta questo cambiamento, lo psicologo.

Acquisendo uno psicologo nel proprio team le medie e grandi imprese avrebbero il vantaggio di avere una preziosa risorsa nell’ambito delle relazioni che può svolgere egregiamente diversi tipi di mansioni:
Lo psicologo del lavoro ha la capacità di valutare le competenze attuali, ma anche il potenziale ancora inespresso delle persone; è quindi utile nel migliorare l’efficienza, in quanto evitando di collocare personale in posizioni non adatte a loro evita errori che possono essere la causa di danni economici o relazionali per l’intera azienda.
E’ una figura importante per quel che concerne la gestione delle risorse umane, essendo in grado di motivare e condurre efficacemente un gruppo al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Si occupa di formazione rivolgendosi sia al personale interno all’organizzazione, sia ad altri utenti che desiderano imparare. Le aziende al giorno d’oggi si trovano ad operare in un mercato sempre più globale e dinamico. Per questo l’aggiornamento professionale è essenziale, non solo per quel che riguarda nuove metodologie da utilizzare sul campo, ma anche nella prevenzione di fenomeni quali il mobbing o il bullismo. In questo senso lo psicologo del lavoro si occupa anche di prevenzione e sicurezza in quanto, oltre ai rischi fisici, ogni organizzazione ed i suoi lavoratori sono sempre soggetti ai rischi psicosociali, tra i quali l’ormai famoso stress lavoro-correlato e questo porta ad un basso rendimento dei lavoratori e quindi a perdite economiche per l’organizzazione. Secondo alcune stime il mobbing, ad esempio, può causare una perdita economica all’azienda che può arrivare anche a cifre fra gli € 500 ed € 750 al mese per lavoratore.

Possono costare molti soldi all’azienda anche gli errori dovuti a imprecisioni nelle comunicazioni, ma lo psicologo non si ferma ad analizzare le comunicazioni interne, bensì si prende cura anche di quelle esterne, ossia rivolte alla clientela, prestando attenzione sia alla modalità di interazione con l’utenza che alla pubblicità. Utilizzando le tecniche di intervista e del questionario, lo psicologo realizza sondaggi e analizza i dati riguardanti l’azienda, come l’efficacia di un nuovo spot pubblicitario o il gradimento effettivo di un nuovo prodotto, riducendo al minimo interferenze e distorsioni nella comunicazione.

Infine lo psicologo del lavoro ha le competenze per analizzare il contesto sociale in cui operano le organizzazioni, soprattutto riguardo le persone che lo compongono, quindi si può occupare anche della pianificazione degli obiettivi a breve e lungo termine. Infatti forse alcuni rimarranno stupiti nel sapere che gli studenti di psicologia studiano molta statistica in quanto si trovano a fare ricerca in ambito psicosociale.

Come la psicologia è la scienza umana che promuove il benessere attraverso la conoscenza della mente e del comportamento umano nel loro insieme, allo stesso modo la psicologia del lavoro promuove specificatamente il benessere lavorativo.

I problemi personali si ripercuotono sul lavoro e viceversa quindi, avere una figura interna che non sia il capo di lavoro permette la creazione di un tipo di dialogo che non potrebbe mai avvenire nel rapporto di lavoro subordinato, se non forse nelle microimprese all’interno delle quali capita spesso che i rapporti personali si fondino con quelli professionali.

 

 

Credete ancora sia solo selezione del personale?
La speranza è che le aziende comprendano al più presto il valore aggiunto che rappresenta lo psicologo in modo che, proprio in questo momento di crisi, sia una figura sempre più presente e valorizzata per riuscire a muoversi al meglio in un momento storico tanto delicato caratterizzato dalla complessità e dalla velocità.

 

Aurora Napoli

Dott.ssa in Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni

Bibliografia:

·       Francesco Avallone (1994), Psicologia del lavoro, Carocci;

·       Forum di psicologia online: http://www.opsonline.it/forum/psicologia-3d/psicologo-del-lavoro-cose-56640.html;

·       Raffaela Brumat, Breve storia della psicologia del lavoro, PsicONLINE;

·       Maurizio Volpini (1999), Lavoro presentato al VI EUROPEAN CONGRESS OF PSYCHOLOGY “European Metamorphosis: The Task of Psychology” Rome July 4th/9th, 1999;

·       Liliana Signorini (2008), Psicologia del lavoro, ARACNE editrice S.r.l.;

·       Orion – galaxy of warmth emotions (2011), Psicologia del lavoro: cos’è e perché serve.

 

 

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.