8 strategie per trattare con persone aggressive e prepotenti - Psicologo Milano
ansia
Ansia: 12 segnali da approfondire con un professionista
14 settembre 2014
coppia sana
50 caratteristiche di una relazione d’amore sana
21 settembre 2014
Mostra tutto

8 strategie per trattare con persone aggressive e prepotenti

gestire persone prepotenti

“Certe persone cercano di essere più alte tagliando la testa degli altri”  (Paramhansa Yogananda, filosofo e mistico indiano)

Chiunque, almeno una volta nella vita, ha incontrato e avuto a che fare con persone aggressive, intimidatorie o controllanti, all’interno della propria sfera privata o nell’ambiente lavorativo.

In apparenza possono sembrare anche individui tutto sommato tranquilli, tuttavia possono trasformarsi in soggetti ostili, subdoli, che creano numerosi conflitti e orchestrano sotterfugi.

Attraverso un approccio astuto e una comunicazione intelligente, comunque, è possibile ridimensionare la relazione con loro e riuscire a tramutare l‘aggressione in cooperazione e la sottomissione in rispetto.

Di seguito sono riportate 8 semplici strategie per trattare con persone litigiose. Tenete a mente che queste sono regole generali, e non tutte sono applicabili alla vostra specifica situazione. Prendete ciò che funziona e lasciate perdere il resto.

1. Mantenete la calma: contate fino a 10

“Respirare corrisponde a prendersi cura della propria vita” (Luce Irigaray, filosofa)

Una tra le caratteristiche più comuni delle persone aggressive è il piacere nel far perdere il controllo all’altra persona, in modo da sentirsi autorizzate a rispondere a tono. Attuando questo comportamento riescono a mettere l’altro in una condizione di debolezza.

La prima regola quando si ha a che fare con una persona prepotente è dunque quella di mantenere la calma. Meno siete reattivi alle provocazioni e in preda alla rabbia o alla frustrazione, più sarete in grado di giudicare la situazione oggettivamente e gestire il problema. Quando vi sentite sfidati da qualcuno, prima di dire o fare qualcosa che poi rimpiangerete, fate un profondo respiro e contate lentamente fino a 10. In quei 10 secondi, pensate alla risposta migliore da dare. Se siete ancora arrabbiati dopo i 10 secondi, prendete ancora tempo e ripensate al problema che vi ha fatto provare rabbia. Se necessario, usate frasi del tipo “Devo pensarci”. Mantenendo il self-control, otterrete più lucidità per gestire al meglio la situazione.

2. Mantenete le giuste distanze e tenete aperta ogni possibilità

E’ proprio così necessario stare a discutere con una persona prepotente?

Il vostro tempo ha un valore, il vostro benessere fisico e mentale sono fondamentali. A meno che non ci sia qualcosa di importante in gioco, non sprecate il vostro tempo con una persona che ha una influenza negativa su di voi. Forse non vale la pena discutere con un guidatore violento o un parente senza scrupolo, meglio tenere le debite distanze ed evitare di ingaggiarsi in discussioni accese.

Inoltre, una sensazione frequente che si prova di fronte a queste persone così difficili è il sentirsi bloccati, senza via di uscita. In queste situazioni, tenete aperte tutte le possibilità. Confidatevi con amici fidati e impegnatevi ad elencare tutte le possibili linee d’azione che potreste adottare con queste persone, tenendo come priorità il vostro benessere. Sfruttate il fatto che gli amici, non essendo emotivamente invischiati nella situazione, possono essere più oggettivi di voi. Senza paraocchi non si rimani bloccati. Tenete la vostra mente aperta.

3. Cambiate atteggiamento: da reattivi a proattivi

“Non prendete tutto sul personale. Quello che dicono gli altri è una proiezione della loro realtà. Se siete immuni alle opinioni e alle azioni altrui, non sarete vittime di una sofferenza inutile.” (Miguel Angel Ruiz)

Essere riflessivi circa la natura aggressiva e intimidatoria di alcune persone può aiutare a osservare la situazione dall’esterno, e a passare da una modalità reattiva a proattiva. Provate, anche solo per un breve momento, a mettervi nei panni dell’altro. Completate la frase “Non è poi così semplice…” considerando il punto di vista di chi vi sta offendendo.

Ad esempio:

“Il mio amico oggi è particolarmente aggressivo. Non è così semplice vivere in un ambiente dove tutti sono in competizione…”

“Il mio manager è davvero prepotente. Non deve essere facile avere su di sé aspettative elevate da parte dei dirigenti…

“Il mio compagno è così poco autonomo e insicuro. Non deve essere facile essere cresciuto in una famiglia dove gli è sempre stato detto come pensare e come agire.”

Ovviamente, assumere un punto di vista empatico non e’ sufficiente a perdonare e bypassare comportamenti inaccettabili. Tuttavia, il punto fondamentale sta nel ricordare a se stessi che le persone mettono in atto determinati comportamenti anche a causa dei loro problemi.

Focalizzandovi maggiormente sull’azione e meno sulla persona, potete essere molto meno reattivi e potete così concentrare le vostre energie sulla risoluzione del problema.

4. Imparate a conoscere i vostri diritti

Quando si ha a che fare con persone aggressive, un aspetto cruciale è quello di tenere bene a mente quali sono i vostri diritti e riconoscere quando vengono violati. Questa presa di consapevolezza sui diritti umani è importante in considerazione del fatto che, se interagiamo a lungo con persone prepotenti e aggressive, rischiamo di dimenticarli o metterli in dubbio. Invece, finche non nuoce alle altre persone, avete il dovere di pretendere i vostri diritti.

Ecco qui alcuni fondamentali diritti umani:

– Avete il diritto di essere trattati con rispetto.

– Avete il diritto di esprimere i vostri sentimenti, opinioni e desideri.

– Avete il diritto di scegliere le vostre priorità.

– Avete il diritto di dire “no” senza sentirvi in colpa.

– Avete il diritto di ottenere quello che avete pagato.

– Avete il diritto di avere opinioni diverse rispetto ad altri.

– Avete il diritto di proteggervi da minacce fisiche, mentali, emotive.

– Avete il diritto di crearvi una vita felice e sana.

Questi fondamentali diritti umani rappresentano i vostri confini. La nostra società è ricca di persone che non rispettano questi diritti. Le persone aggressive in particolare vogliono deprivare le persone dei loro diritti, in modo tale che sia più semplice prendere il controllo su di loro.

5. Fate domande, non affermazioni

Uno tra gli aspetti che piace maggiormente ai soggetti aggressivi è puntare l’attenzione su vostri errori in modo da farvi sentire incapaci e inadeguati. Tipicamente, sono molto svelti a mettere in mostra tutto ciò che avete fatto male. Il focus è sempre su “Hai sbagliato” piuttosto che su “Come possiamo risolvere il problema?”

Se reagite mettendovi sulla difensiva cadete nella trappola, quindi il vostro aguzzino acquisirà il potere di rimarcare i vostri errori. Un modo semplice ed efficace per cercare di cambiare questa dinamica consiste nel rispondere alle frasi aggressive facendo domande piuttosto che affermazioni.

Per esempio:

1) Aggressore: “La tua proposta e’ pessima! Non mi è proprio di aiuto!!! ”

Risposta: “Sei sicuro di averla considerata in tutti i suoi aspetti?”

2) Aggressore: “Sei così stupido!”

Risposta: “Perché mi tratti con disprezzo?”

Fate domande. Rilanciate all’altro la palla e spostate la luce del riflettore sul vostro aggressore, in modo da neutralizzare la sua influenza su di voi.

Un’altra tecnica, apparentemente semplice ma efficace, per interrompere una comunicazione negativa è cambiare argomento. Dite semplicemente “A proposito…” e iniziare un nuovo soggetto.

6. Mostrate superiorità con l’umorismo

“Continua a sorridere, le persone desidereranno sapere perché” (Anonimo)

L’umorismo è uno strumento di comunicazione potente. Aneddoto: una mattina un dipendente di una azienda salutò un suo collega particolarmente presuntuoso, ma questo non rispose, ignorandolo completamente. Il collega non si offese, anzi, sorrise naturalmente e scherzando disse “Vedo che oggi sei di buon umore!”. Questa “frecciatina” permise di sdrammatizzare la situazione e contribuì ad instaurare tra i due una conversazione civile.

L’umorismo, se usato appropriatamente, può far brillare luce sulla verità, disarmare i comportamenti aggressivi e mostrare di essere superiori. Nel libro “Come comunicare in modo efficace con persone difficili”, l’autore, Preston Ni, cerca di spiegare il grande ruolo psicologico dell’umorismo nel risolvere i conflitti: irrompere con uno scherzo o una battuta è un buon modo per alleggerire la tensione e portare inaspettatamente un sorriso sul volto dell’altro, contribuendo a modificare le dinamiche di relazione.

7. Mantenete un tono formale durante la comunicazione

Quando si deve interagire con persone prepotenti è meglio seguire questa semplice regola: bloccare sul nascere eventuali problemi. Se tollerate sottomissioni e soprusi, questo incoraggerà solamente il comportamento aggressivo che andrà continuando e intensificandosi. Come evitare di accendere dinamiche aggressive?

E’ fondamentale mantenere le opportune distanze relazionali e rendere il più possibile la comunicazione formale dando sempre del lei al vostro interlocutore.

Un’altra cosa importante è evitare di fare accuse e dichiarazioni che iniziano con la parola “tu”, che hanno maggiori probabilità di innescare un litigio. Invece, utilizzate frasi che iniziano con “Io”, “noi”, o formule impersonali, seguite da fatti.

Per esempio:

Comunicazione inefficace: “Le tue azioni mancano di trasparenza”

Comunicazione efficace: “E’ importante che queste decisioni seguano passaggi chiari e trasparenti.”

8. Fate riflettere la persona sulle conseguenze del comportamento negativo

In alcuni situazioni è proprio il caso di dire alla persona esattamente ciò che deve cambiare e che cosa accadrà se non lo farà. Date alla persona un limite preciso e mettete in chiaro che, se lo attraversa, ci saranno conseguenze. Se ben articolate, le conseguenze possono mettere un freno a colui che offende e far sì che la violazione si trasformi in rispetto. Se scegliete questa via, considerate che le conseguenze da voi annunciate devono poi essere rispettate.

Vai alla fonte in lingua originale

Il mio parere: Le persone aggressive, intimidatorie e controllanti possono rendere la vita molto difficile a chi deve trascorrere quotidianamente del tempo in loro compagnia. Quando si ha a che fare con qualcuno che adotta queste modalità comportamentali (un capo crudele, un amico che critica sempre o un parente senza scrupoli) molto spesso capita di avere timore di interagire.

Ecco 8 spunti per trattare più efficacemente con persone presuntuose ed aggressive, che vi permetteranno di sentirvi più sicuri e di migliorare la relazione.

A proposito di aggressività, se ti interessa puoi guardare questo videotutorial, dove approfondisco questa emozione e spiego un esercizio psicologico per trasformare la rabbia da distruttiva a costruttiva.

 

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.