Guida salutare alla trasgressione - Psicologo Milano
A due anni già usano il tablet. Troppo presto o serve a imparare?
28 marzo 2014
chiedere scusa
Sai come chiedere scusa? 6 step per farlo in modo efficace
5 aprile 2014
Mostra tutto

Guida salutare alla trasgressione

trasgressione

uid_riza_1928.650.340Colorate sempre all’interno dei contorni? Avventuratevi un poco oltre i confini e ne trarrete sorprendenti benefici.

(…) Trasgredire, o agire in modi che abitualmente definiremmo “sconsiderati”, può rivelarsi una buona cosa per la nostra psiche. Può migliorare il nostro umore, donarci una sensazione di libertà, riattivare il nostro flusso creativo e produrre fantastici ricordi.

Sebbene alcune persone trasgrediscano troppo frequentemente, addirittura costruendosi delle vere e proprie “doppie vite”, il resto di noi è spesso esageratamente spaventato dall’infrangere i limiti comportamentali. Per chi è predisposto a costruirsi una routine, una modesta trasgressione può condurre a risultati molto positivi. Utilizzare modi nuovi e diversi per svolgere un’attività o per presentarsi al mondo, innesca una reazione a catena che può generare maggiore felicità e successo.

L’approccio salutare alla trasgressione, dicono gli esperti, consiste in un’occasionale rottura di norme, regole e aspettative, secondo modalità che non causino alcun grave danno. (…)

 

REVISIONATE IL VOSTRO REGOLAMENTO 

Le nostre personali “linee guida” di comportamento si intrecciano con le leggi ufficiali e le regole socialmente imposte, influenzando quasi tutto ciò che facciamo – dall’ora in cui andiamo al lavoro, a quanto guidiamo oltre il limite di velocità, al tipo di bugie bianche che raccontiamo. Tali linee guida variano da persona a persona, così come le definizioni di trasgressione.

“Iniziamo a sviluppare il nostro peculiare codice comportamentale da giovani, in parte registrando la disapprovazione che riceviamo dai genitori quando facciamo qualcosa di inappropriato ai loro occhi” dice Leon Seltzer, psicologo clinico ed autore di “Paradoxical Strategies in Psychoterapy”. Anche i coetanei, gli insegnanti, gli allenatori, contribuiscono alla nostra precoce socializzazione dal momento che assimiliamo le loro prospettive di “come sia giusto comportarsi”. Nasciamo anche con delle predisposizioni personali innate che ci spingono a comportarci “male” (nel caso in cui siamo sensation-seekers) o “troppo bene” (come le persone compiacenti e conformiste).

“Alcune persone possiedono degli elementi innati nella loro personalità che impediscono loro di uscire dai confini”, dice Seltzer. Per molti di noi le regole hanno sempre avuto una valenza confortevole. Eppure, è importante comprendere se queste limitazioni auto-imposte stiano soffocando il nostro potenziale, impedendoci di condurre una vita più soddisfacente. (…)

La prossima volta che vi rendete conto di reprimere il forte desiderio di parlare ad uno sconosciuto, o di tingervi i capelli di biondo platino, potreste chiedervi “Perchè?”. Se vi risponderete che quel comportamento potrebbe causare qualche occhiataccia, ma che in fin dei conti non c’è niente di sbagliato in esso, provatelo! Potreste trovare un nuovo amico o scoprire che da bionde state davvero divinamente.

(…)

ALLONTANATEVI DA VOI STESSI 

Le piccole trasgressioni sono una tregua da noi stessi, e alleviano la tensione che si sviluppa da un’inarrestabile concentrazione sulle nostre aspirazioni e sui nostri doveri. Ecco la motivazione di vacanze, festività ed altre celebrazioni costruite dalla maggior parte delle culture e religioni come pausa dalle difficoltà quotidiane.

“Se lavorate molto ad un obiettivo, avrete voglia di distrarvi di tanto in tanto”, dice John Portmann, professore all’Università della Virginia ed editore di “In Defense of Sin”. “È meglio farlo ogni weekend o quasi, piuttosto che negarvelo per troppo tempo e poi esplodere”.

Ci sono molti modi, più o meno sani, di staccare la spina. Alcune persone organizzano uscite “solo donne” o “solo uomini”, passando la serata a bere e ballare. Alcuni giocano d’azzardo (è OK se conoscete i vostri limiti). Molti usano la fantasia “Questo spiega la pornografia su internet”, dice Portmann. (…)

Evadere temporaneamente dai nostri comportamenti normali ci fa gustare un altro stile di vita, ma ci permette anche di comprendere che non potrebbe essere sostenibile a lungo termine. (…)

 

SIATE MENO PERFETTI E PIU’ INNOVATIVI

(…) Certamente, comportarsi impropriamente può essere un po’ spaventoso. “Ogni volta che fate qualcosa che esula dalla vostra “comfort zone”, sperimenterete ansia”, spiega Seltzer. “Ciò non significa che state facendo qualcosa di sbagliato, semplicemente qualcosa che contraddice il vostro programma”. (…)

Se non avrete mai il coraggio di parlare quando non è il vostro turno durante un meeting, il vostro capo potrebbe non vedervi mai come qualcosa di più di un semplice assistente. Se non sarete abbastanza sfacciati da chiedere il numero di telefono alla ragazza carina che sull’aereo vi ha appena raccontato i problemi con il suo ragazzo, potreste perdere una potenziale partner. (…)

COSTRUITE RICORDI, NON PREOCCUPAZIONI

Chiaramente, anche le piccole trasgressioni possono essere dannose, specialmente se non sono ben ponderate in anticipo. (…)

Se la vostra trasgressione potrebbe danneggiare voi stessi o qualcun altro, state esagerando. Ma se nessuno la noterà o se ne preoccuperà seriamente, portatela avanti. Otterrete un immediato incremento dell’adrenalina e un vivido aneddoto da raccontare. “Più emozioni sono coinvolte in un’attività, più facilmente la ricorderete”, spiega Michele Root-Bernstein.

(…)

 

COME POTETE OSARE?!

Se le gomme della vostra auto si consumano percorrendo sempre lo stesso tragitto tra la vostra casa e il vostro ufficio, se potete cucinare la cena ad occhi chiusi, allora potreste essere bloccati nella routine. Provate una di queste attività un po’ “osè” per ricordare a voi stessi che c’è anche altro nella vita:

  • GIOCATE A TRAVESTIRVI – Frugate nelle profondità del vostro armadio e trovate qualcosa di stravagante da indossare al lavoro domani. Quella cravatta che la zia Bessie vi regalò per Natale 20 anni fa. O quel corpetto luccicante che potreste indossare sotto la giacca.
  • RACCONTATE UNA STORIA INCREDIBILE – Inventate una storia folle da raccontare al prossimo sconosciuto con il quale parlerete, per esempio il promoter telefonico che chiama a casa dopo cena, oppure il ragazzo che siede accanto a voi sul bus.
  • IMBUCATEVI AD UNA FESTA – Indossate un abito da sera e recatevi all’hotel più lussuoso della vostra città di sabato sera.
  • FATE SESSO IN UN POSTO NUOVO – In macchina, al parco, sotto le tribune allo stadio. Come un teenager.
  • FATE GLI ANARCHICI AL LAVORO – Recatevi nell’ufficio del vostro capo ed esponetegli le vostre idee per migliorare gli affari.
  • PARTECIPATE AD UN EVENTO INAPPROPRIATO PER LA VOSTRA ETA’– Andate al bingo cittadino nella sala principale o partecipate al raduno scolastico di un liceo locale.
  • FATE SCIOPERO  – Dite ai vostri familiari che dovranno occuparsi da soli di cena/compiti/lavanderia stasera. Al posto di queste attività, fatevi un bagno caldo e mettetevi a letto ad un’orario oscenamente precoce.
  • DITE “SI” – Accettate un invito ad un evento, anche se avete già pianificato la serata. Cancellate i vostri piani per fare ciò che realmente desiderate.

 

Vai alla fonte in lingua originale

 

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

Per la maggior parte di noi, crescere significa anche trovare la propria collocazione all’interno del contesto familiare, scolastico, lavorativo, sociale, confrontandosi ogni giorno con le regole imposte dall’ambiente. Se quest’attività di adattamento è da un lato un’operazione indispensabile per la nostra “sopravvivenza”, dall’altro ci obbliga a conformarci a delle norme, che rischiano di soffocare la nostra creatività e l’espressione del nostro potenziale.

Questo articolo ci ricorda che qualche trasgressione (soprattutto se piccola e innocua per noi stessi e per gli altri) non soltanto non mette a repentaglio la nostra sopravvivenza, ma può regalarci attimi di libertà e puro divertimento, aiutandoci a “ricaricare le batterie”.

See on www.psychologytoday.com

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.