Il lavoro dello psicologo è curare la gente - Psicologo Milano
Stanotte ho fatto questo sogno: cosa vuol dire?
26 luglio 2013
E’ come andare dal medico
26 luglio 2013
Mostra tutto

Il lavoro dello psicologo è curare la gente

Il lavoro dello psicologo è curare la gente


Perché, non è così?
Gli psicologi che più spesso compaiono sui mass media sono più che altro quelli che si occupano di attività clinica. Quindi è naturale pensare che quello e nient'altro sia il loro lavoro. Probabilmente si ragiona così: dato che il medico è "colui che cura il corpo", lo psicologo per forza deve essere "colui che cura la psiche" e i suoi disagi. Sintomi come le fobie, il panico, la depressione, oppure difficoltà legate a momenti di crisi personale: ecco cosa, secondo molti, costituisce il terreno di lavoro di tutti gli psicologi. Le cose non stanno così. Meglio: le cose possono stare così ma possono anche essere diverse.

Il lavoro dello psicologo è curare la gente

Perché, non è così?
Gli psicologi che più spesso compaiono sui mass media sono più che altro quelli che si occupano di attività clinica. Quindi è naturale pensare che quello e nient’altro sia il loro lavoro. Probabilmente si ragiona così: dato che il medico è “colui che cura il corpo”, lo psicologo per forza deve essere “colui che cura la psiche” e i suoi disagi. Sintomi come le fobie, il panico, la depressione, oppure difficoltà legate a momenti di crisi personale: ecco cosa, secondo molti, costituisce il terreno di lavoro di tutti gli psicologi. Le cose non stanno così. Meglio: le cose possono stare così ma possono anche essere diverse.
 
Non tutti gli psicologi fanno attività clinica
Chi si laurea in Psicologia può sì intraprendere l’attività clinica ma può fare anche molte altre cose: e non è necessariamente destinato a lavorare coi pazienti. Come dimostrazione, voglio portarvi i risultati di una indagine condotta dall’Ordine degli Psicologi dell’Emilia Romagna nel settembre 2003. Hanno chiesto agli psicologi di questa regione quale fosse il loro campo di attività prevalente. Risultato: ben tredici (tredici!) campi diversi dalla classica attività clinica. Ci sono psicologi che si occupano di sport, di lavoro, di traffico (già, anche di traffico o meglio di sicurezza viaria), di marketing, di rapporti fra le diverse culture, di perizie per il tribunale, ecc.
Se volete altri dati, andate sul sito di qualunque Facoltà di Psicologia: date un’occhiata agli esami in programma. Vedrete che oltre ai classici esami clinici – psicologia clinica, psicopatologia, ecc. – ce ne sono altri che non hanno nulla a che fare con la cura dei pazienti.

Per gentile concessione della Dott.ssa Silvia Bianconcini www.psicologia-imola.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.