Rapido questionario per misurare la dipendenza dal lavoro. - Psicologo Milano
Scrivere il diario combatte ansia e stress: lo dice l’Università di Chicago!
10 novembre 2013
Dopo 60 anni, non avere rimpianti fa bene alla salute. Prima sono utili…
10 novembre 2013
Mostra tutto

Rapido questionario per misurare la dipendenza dal lavoro.

Ho sempre riscontrato che i così detti Workaholic spesso fuggono nel lavoro da una vita per alcuni motivi insoddisfacente.

Mi sembra interessante che ora un istituto scientifico metta a punto una scala di auto valutazione  affinchè la persona possa effettuare uno screening rapido della propria situazione.

Voto articolo 8/10

Luca Mazzucchelli

Tratto dall’articolo

Workaholic è il termine usato per descrivere la tendenza di alcuni a lavorare troppo e in modo compulsivo.

Autosomministrandosi la Bergen Work Addiction Scale, le persone possono testare il loro grado di dipendenza da lavoro: non-addicted, leggermente drogato o workaholic.

Ciascun item avrà uno dei seguenti punteggi: (1) Mai, (2) Raramente, (3) A volte, (4) Spesso, e (5) Sempre:

  • Pensi a come avere più tempo a disposizione per lavorare.
  • Spendi molto più tempo lavorando di quanto inizialmente previsto.
  • Lavori per ridurre il senso di colpa, ansia, impotenza e depressione.
  • Capita che altri vi dicano che dovete ridurre il lavoro, senza che voi gli diate retta
  • Ti senti stressato se non ti è permesso di lavorare.
  • Togliete importanza agli hobby, al tempo libero, e all’esercizio fisico a causa del vostro lavoro.
  • – Lavorate così tanto che questo ha influenzato negativamente la vostra salute.

See on www.stateofmind.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.