Sesso: allarme dei pediatri un adolescente su 2 lo fa on line - Psicologo Milano
La philofobia o paura d’amare, si può guarire?
10 novembre 2013
Divorzio: 9 pratici suggerimenti su come dirlo ai bambini
10 novembre 2013
Mostra tutto

Sesso: allarme dei pediatri un adolescente su 2 lo fa on line

Il mio parere: gli ultimi dati raccolti mostrano che ben il 74% dei teenager maschi e il 37% delle femmine ricorre al web per fare sesso, vedere sesso, sapere tutto sul sesso.

A lanciare l’allarme sul boom del ‘sexting’ e della caccia ai siti hard è il Sindacato medici pediatri di famiglia (Simpef).

Ho già trattato questo fenomeno in questo video nel quale mi interrogo su quali siano le conseguenze di affidare tecnologie così tanto potenti nelle mani di adolescenti, che si abituano in tal modo a post porre il momento riflessivo all’atto, e a non anteporlo, come sarebbe giusto e logico fare: prima penso e poi faccio…

Voto all’articolo 8/10

Tratto dall’articolo:

“Siti porno, chat erotiche, spogliarelli, appuntamenti virtuali con amici o sconosciuti.

E’ internet il ‘terreno di caccia’ degli adolescenti italiani che cercano esperienze sessuali.

Chiusi nelle loro camere, trovano on line lo spazio dove guardare immagini hard, fare conquiste veloci e sesso. Aumenta il sexting, spopolano le chat erotiche.

Più della metà dei teenager cerca la rete, non solo per soddisfare le prime curiosità, ma anche per allenarsi a sedurre mostrandosi nudo o in pose ammiccanti.

La rivoluzione informatica ha complicato le cose perché ha consentito nuovi percorsi. Il problema è che i genitori spesso non sanno che cosa fanno i giovani su internet.

Ci sono nuove possibilità che lasciano tracce indelebili on line. Se una volta c’erano le riviste porno, oggi il web offre centinaia di siti dove i ragazzi trovano quello che vogliono con pochi clic.

E internet e telefonini sono un mezzo per mandare materiale velocemente. Secondo l’ultima indagine Eurispes-Telefono Azzurro, il 6,7% degli adolescenti italiani ha inviato sms o video a sfondo sessuale col proprio cellulare, mentre più del 10% ne ha ricevuto almeno uno.

Bisogna anche educare i propri figli all’uso del computer seguendo le regole della privacy in modo da evitare di mandare in rete immagini imbarazzanti proprie o altrui, immagini che possono rapidamente raggiungere centinaia di persone.”

Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

See on www.repubblica.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.