Siamo tutti bugiardi: usi e abusi della menzogna - Psicologo Milano
Un divorzio felice. Come? avvocati e psicologi sulla stessa barca…
10 novembre 2013
I nostri stati mentali sono condizionati dall’ambiente circostante?
10 novembre 2013
Mostra tutto

Siamo tutti bugiardi: usi e abusi della menzogna

Il mio parere: la menzogna fa parte dell’esperienza quotidiana di tutti noi e viene usata per diversi motivi in molteplici situazioni: per non perdere la faccia, per non offendere qualcuno, per evitare litigi etc…

Il limite alle menzogne, perché non diventi un’abitudine così frequente da trasformarsi in patologica, sta nel non abusarne!

Un campanello d’allarme potrebbe essere la tendenza a sostituire la realtà con quella fittizia costruita grazie e attraverso le menzogne, seppure siano esse bugie apparentemente innocue perché, come si suol dire, a fin di bene”.

La menzogna non deve diventare una facile scorciatoia per evitare di affrontare le situazioni e le difficoltà che la vita reale ci pone davanti.

Mentire non deve essere un modo per non affrontare del tutto la realtà: la soluzione migliore tendenzialmente è invece affrontarla e pertanto esssere sinceri.

Voto all’articolo 8/10

Tratto dall’articolo:

“A chi non è mai capitato di dire una bugia per superare un momento di difficoltà o imbarazzo? E quante volte abbiamo avuto la netta sensazione che qualcuno ci mentisse?

La menzogna è un fenomeno diffuso che, a dispetto della cattiva fama, a volte ha lo scopo di facilitare i rapporti interpersonali.

In un esperimento, alcuni ricercatori (Deborah A. Kasshy e Bella M. DePaulo, 1996) hanno chiesto ai partecipanti di tenere un diario di 7 giorni in cui annotare tutte le interazioni sociali e tutte le bugie dette durante queste interazioni.

Lo studio ha rilevato che le persone mentono almeno un paio di volte al giorno o in un quarto delle interazioni che hanno con gli altri. Sono stati distinti tre tipi di bugie:

• self-oriented lies: a beneficio di sé stessi (50% delle bugie) per ottenere vantaggi personali, dare una buona impressione, evitare sanzioni, proteggersi da imbarazzo o disapprovazione;

• other-oriented lies: a beneficio degli altri (circa il 25%) per avvantaggiare o proteggere l’interesse degli altri;

• social-oriented lies: a beneficio della relazione interpersonale (circa il 25%), non sempre la verità facilita l’interazione.

Pare che gli uomini mentano più delle donne e tendano a dire più bugie self-oriented, ovvero a proprio vantaggio; mentre le donne tendono a dire più bugie other-oriented, ovvero a vantaggio dell’altro, soprattutto nelle interazioni con altre donne.”

Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

See on www.psicologiaok.com

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.