Cosa bisogna fare per riaversi da un lutto? - Psicologo Milano
psicologia prostituta
Quale differenza tra uno psicologo e una prostituta?
1 febbraio 2010
Ψ Luca Mazzucchelli – psicologo, psicoterapeuta Milano
2 febbraio 2010
superare il lutto

Il superamento del lutto in 4 fasi

Secondo Worden, uno dei massimi esperti mondiali di terapia del lutto, il lavoro sul lutto consiste in quattro fasi:
  • accettare la realtà della perdita subita
  • sperimentare e tollerare il dolore del lutto
  • riadattarsi a vivere in un mondo dove non c’è più la persona morta
  • ritirare e reinvestire le proprie emozioni su nuovi oggetti d’amore

Il lavoro del lutto inizia con l’accettare la realtà della perdita. Questo può significare di volta in volta l’essere presente all’atto della morte, o il vedere il corpo del proprio caro dopo l’avvenuta morte, o infine partecipare ai riti funerari.

Il lavoro intrapsichico sul lutto é sgradevole e molte persone, in una fase o nell’altra di questo lavoro, possono essere tentate di evitare il dolore del lutto.

Possono cioè cercare, per esempio, di sostituire la relazione perduta con un’altra, ad esempio cercando di riaccoppiarsi o di adottare un figlio in sostituzione di quello perduto.

E’ però molto più saggio, anche se all’inizio più doloroso, cercare di aspettare finché il lavoro sul lutto sia stato completato prima di tentare di formare nuove relazioni.

Il fatto di riadattarsi a vivere in un mondo dove la persona morta non c’è più comporta il cambiare molti dei rituali della vita quotidiana al punto di assumere alcune delle funzioni che prima erano proprie della persona deceduta. Se, per esempio, in una giovane famigliola muore il padre, la partner può scoprire che l’assumersi alcuni dei ruoli che erano suoi la rende una persona più completa ed equilibrata.

Nelle prime fasi del lutto la persona che ha perso un caro è costantemente ossessionata dalla memoria della persona che ha perso. E’ come se la psiche dovesse rivalutare tutti gli aspetti della passata relazione onde rimetterli in una diversa prospettiva: accettando e dimenticando quanto vi era di brutto ed apprezzando quanto vi era di buono, prima di lasciare che questa possa affondare definitivamente nella memoria.

Solo dopo che questo è accaduto l’energia emozionale che prima era legata nella relazione ormai perduta potrà essere libera. Libera di essere reinvestita in una nuova relazione, allorché la persona che è uscita dal lutto si rende conto che non vi è nulla di male nel fatto di ricominciare a vivere e ad amare.

Fabio Piccini
Tratto da web4health.info

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.