depressione Archivi - Psicologo Milano
10 febbraio 2015
disturbi alimentari

Depressione – il lato buono che non ti aspetti

Depressione: il lato buono che non ti aspetti – Intervista a Valeria Ugazio

A cura di  Luca Mazzucchelli

Il mio ospite di oggi…

valeria ugazioValeria Ugazio (Novara, 29 marzo 1949) è una psicologa italiana. Psicoterapeuta sistemico-relazionale e docente, è autrice di volumi e articoli sul tema. Insegna all'Università di Bergamo dove ricopre la carica di professore ordinario di Psicologia clinica presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali. È membro del comitato scientifico di alcune riviste tra le quali: "Terapia familiare", "Psicoterapia", "Connessioni", "Human Systems. The Journal of Systemic Consultation" e “Journal of Constructivist Psychology”.

Se guardi questa intervista imparerai…

In questa intervista imparerai a conoscere gli aspetti più rilevanti della depressione, raccontata da Valeria Ugazio non solo nei suoi aspetti più critici, ma anche nei risvolti positivi che può avere. Conoscerai inoltre il ruolo di psicologia e psichiatria nella gestione di questa patologia negli ultimi anni.

Indice e minutaggio degli argomenti

00:00 introduzione - il lato salvifico della depressione

01:41 tipologie di depressione distimie vs depressioni cicliche

06:33 il lato geniale della depressione

07:53 depressione cronica: il caso di  V.Woolf e l’importanza dell’inclusione

09:38 Kirchner e l’importanza delle relazioni di coppia

11:13 depressione e psichiatria: quello che la serotonina non spiega

12:33 depressione e Prozac: un’operazione di marketing

16:08 la responsabilità della psicologia

18:01 il ruolo della serotonina: esperimenti

19:42 insonnia come campanello di allarme

20:52 rabbia come campanello di allarme

21:42 il ruolo della gelosia

{loadposition depressioneugazio}

27 novembre 2013
umore e stagione

7 cose che (forse) non sai sui disturbi stagionali dell’umore

Arriva l’autunno, la brutta stagione e per molti l’umore peggiora. Per alcuni il disagio può sfociare in depressione, ansia e irritabilità. È la cosiddetta SAD (in inglese significa triste, ma sta per Sindrome Affective Disorder, in italiano disturbi stagionali dell’umore) che semplifichiamo in meteoropatia. Per i medici una delle possibili cause è la dalla mancanza di luce solare. «Non a caso per i disturbi stagionali uno dei rimedi più efficaci è la fototerapia», spiega Vincenzo Condemi, responsabile del Buiometeolab dell’Università di Milano.   1. Le […]
1 agosto 2013
depressione

Depressione: 4 strategie per prevenirla

depressionePremessa

L’Organizzazione Mondiale della Salute, alla fine degli anni 90, pronosticava che nei primi 15 anni del 2000 avremmo avuto un incremento del 2 percento delle patologie psichiche, dato confermato dai fatti. Oggi sostiene che nel 2020 saranno al primo posto le malattie cardiovascolari e al secondo quelle psichiche. E’ un dato che non può non interrogare circa la situazione cui andremo a breve tempo incontro, dato che nemmeno il tumore sarà malattia diffusa tanto quanto quelle psicologiche.

A proposito di diffusione delle patologie, la depressione possiede a questo riguardo una peculiarità che la differenzia dalla maggior parte delle altre malattie psichiche. Pensiamo all’Africa, continente dove si vive in maniera molto diversa dalla nostra e anche per questo motivo molte malattie mentali come ad esempio l'anoressia non si ritrovano: la depressione, che si trova anche qui, non conosce limiti culturali o geografici.

In Italia il 70 percento delle persone depresse si colloca nelle grandi città. A Milano, ad esempio, nel 2011 sono stati contati 38000 persone depresse (numero fortemente sottostimato perché molti curano la depressione fuori dal sistema sanitario pubblico) di cui ben 2/3 sono donne.

17 luglio 2012
depressione tristezza

Depressione o tristezza?

depressione tristezza

 

Depressione e tristezza, sempre più labile il confine...

 

Sono stato contattato dal quotidiano Secolo XIX per approfondire alcuni concetti in merito al dilagare della depressione che già ho avuto modo di affrontare nell'articolo "Depressione e psicofarmaci".
Riporto qui alcune delle domande alle quali ho risposto, e che per ovvi motivi non sono stati ripresi per intero nell'articolo.


L'argomento, ovviamente, è tutt'altro che semplice e occorrerebbe non un articolo ma un libro intero per potersi addentrare nei meandri della discussione. Quanto di seguito riportato non ha la pretesa di essere esaustivo sulla tematica, quanto un inizio di riflessione da portare avanti con chi lo desidera.
grazie e buona lettura,
Luca Mazzucchelli