psicologia e tecnologie Archivi - Psicologo Milano
10 febbraio 2014

Telefono azzurro: convegno su un web più sicuro

Secondo una ricerca di DuepuntoZero Research-Doxa ( tratta dal Sole 24 Ore) all’età di 12-13 anni 8 bambini su 10 navigano regolarmente su internet e anche la fascia di età inferiore, dai 5 ai 13 anni, lo fa in una percentuale notevole, per un 33% nel 2011, che è balzato al 44% nel 2012.   Ancora più significativo è il fatto che  il 57% dei bambini naviga senza alcun controllo dei genitori  e questo non può non preoccupare.   Il professor […]
7 febbraio 2014

La psicologia di Candy Crush Saga

(…) cosa si attiva nella nostra mente quando passiamo ore (magari spendendoci pure soldi) su giochi tutto sommato semplici e ripetitivi come Candy Crush, Farmville, o come certi giochi di ruolo online?   Secondo un interessante articolo comparso in questi giorni su Gamasutra, sito di riferimento per molte discussioni trasversali relative al mondo dei videogiochi, sarebbe tutta colpa del naturale e costante disequilibrio della nostra mente, un disequilibrio che ci porterebbe a soddisfare di continuo determinati bisogni, teorizzati molti anni fa dallo psicologo Henry […]
6 febbraio 2014

Twitter, il nuovo strizzacervelli che scova i depressi?

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight: Il mio parere: l’articolo che segue, se letto per intero, sembra polemico e scettico circa l’utilità che le comunicazioni che avvengono sui social (ad esempio Twitter) possano avere per comprendere meglio i problemi di chi li abita. Io invece credo molto che – perfezionando gli strumenti oggi a disposizione – veramente si possano studiare interventi e strumenti ad hoc per prevenire disagi e aumentare il benessere. Per chi fosse interessato a sapere come immagino la psicologia […]
4 febbraio 2014

Aspettare i mezzi pubblici: tecnologia e psicologia dell’attesa

    La posta in gioco con la psicologia dell’attesa è particolarmente importante per chi studia l’efficienza dei trasporti pubblici, proprio perché deve far fronte a un’alternativa. E quale sarebbe l’alternativa? Prendere l’auto, perché nell’immediato non richiede alcuna attesa. (…) Kari Watkins, della Georgia Tech, ha studiato come la gente aspetta l’autobus. ”Con la tua automobile, parcheggiata proprio lì, sai dove si trova in ogni momento, se hai bisogno di usarla subito e andare da qualche parte, la prendi e vai.Ma quando […]
23 gennaio 2014

Facebook morirà nel 2017: dottorandi Princeton prevedono la catastrofe

 I Social Network cominciano a diventare fuori moda. E’ questo quello che risulta da uno studio di due dottorandi della prestigiosa Università americana.   I risultati delle analisi stati resi noti a pochi giorni dalla ricorrenza dei dieci anni del social network di Mark Zuckerberg, nato il 4 febbraio del 2004. Facebook quindi, può essere considerato come una “moda passeggera” oppure una “malattia infettiva”.   I due giovani, John Cannarella e Joshua Spechlere, si sono basati sull’esperienza di ascesa e […]
10 novembre 2013

L’utilizzo dei social media al lavoro non ‘nuoce gravemente’ alla salute

I possibili rischi legati all’utilizzo non sano dei social media sul luogo di lavoro rimandano al concetto di benessere all’interno dell’azienda. E’ inutile, dunque, vietare l’accesso a questi canali, perchè verrebbe letto come un gesto autoritario che, di certo, non contribuisce a risolvere il problema See on www.iltempo.it
10 novembre 2013

Psicologia e Tecnologia: nuova App per Smartphones contro la depressione

I ricercatori della Northwestern University Feinberg Medical School stanno sviluppando nuove applicazioni elettroniche per il trattamento della depressione. Seguendo i progetti degli psicologi della prestigiosa università, infatti, il futuro della terapia della depressione, così come di altri disturbi del’umore, sarà presto virtuale: il telefono, così come altri supporti tecnologici, supereranno le tradizionali sessioni settimanali faccia a faccia per favorire un metodo che garantirà un supporto immediato e raggiungerà una fetta di popolazione decisamente più ampia. See on www.stateofmind.it