psicologia giuridica Archivi - Psicologo Milano
29 luglio 2013

Il CTU nei casi di separazione e affido

Lo psicologo nel contesto giudiziario

A cura della Dott.ssa Cecilia Pecchioli Catelani
Nei casi di separazione, sempre più frequente diventa il ricorso, da parte del Giudice, alla figura del CTU (Consulente Tecnico d’Ufficio), uno psicologo che offre il suo servizio per stabilire, in maniera più approfondita, un parere circa i termini di affidamento dei figli coinvolti.

Abbiamo già accennato al ruolo del CTU in questi contesti (vedi mio articolo precedente “E’ plausibile pensare ad una valutazione relazionale della famiglia durante una consulenza tecnica?”); in questa sede vorrei avanzare qualche riflessione sulla qualità del rapporto che collega la figura del CTU sia alle parti che agli operatori della Giustizia, nell’ambito delle problematiche relative all’affido di minori.

29 luglio 2013

L’affido condiviso: dubbi e riflessioni

 

DUBBI E RIFLESSIONI SULL’AFFIDO CONDIVISO

Affido condivisoCom’è noto, la legge 8/2/2006 n.54, entrata in vigore il 16 marzo 2006, ha rimodellato la disciplina dell’affidamento dei figli in materia di separazione.

Le principali novità che la legge sull’affido condiviso ha introdotto sono rappresentate dal riconoscimento di pari diritti e doveri ad entrambi i genitori nei confronti dei figli. Non per altro si è iniziato a parlare di “bigenitorialità” (principio affermatosi da tempo negli ordinamenti europei e presente altresì nella Convenzione sui diritti del Fanciulli sottoscritta a New York il 20.11.1989 e resa esecutiva in Italia con la legge n.176 del 1991). Inoltre, vengono riconosciuti diritti di contatto continuativo tra nipoti e nonni e con i parenti più stretti.

A primo acchito, questa legge rappresenta un passo fondamentale per un cambiamento forte del Diritto di Famiglia, alla luce anche del mutare della mentalità e della società.