Tanti profili Facebook dedicati ai giovani morti in incidenti: "Utile" - Psicologo Milano
La ricerca sugli psicofarmaci è ferma…perchè?
10 novembre 2013
Più leggi da bambino, più successo avrai nella vita
10 novembre 2013
Mostra tutto

Tanti profili Facebook dedicati ai giovani morti in incidenti: “Utile”

Un lampo e la vita scorre alla velocità dei millesimi di secondo, finendo per svanire d’improvviso. E allora ai familiari, agli amici e ai conoscenti non resta che il ricordo e il dolore, profondissimo, per la perdita di un figlio, un marito, una moglie, un parente.


Succede che familiari e amici, atterriti dal dolore, lasciano ricordi e messaggi, sfogliano album di foto del passato che poi pubblicano sulle loro bacheche virtuali sul web, si sfogano e interagiscono tra loro. È un modo per farsi forza e continuare a vivere, aiutandosi reciprocamente.


È un modo per elaborare il lutto, segno dei tempi, in cui i social network, in particolare Facebook, giocano un ruolo chiave e possono essere d’aiuto alle persone per superare tragedie il cui ricordo, purtroppo, è inestinguibile.


Su Facebook nascono pagine ad hoc dedicate ai ragazzi scomparsi o comunque i genitori mantengono attivi i profili dei figli, come prolungamento della memoria attraverso le nuove tecnologie. Che ne pensa dottoressa Montesi?
“È sicuramente molto utile nel percorso dell’elaborazione del lutto da parte di chi lo subisce, soprattutto se si tratta di ragazzi giovani. I genitori si ritrovano soli, soli nel loro dolore, e i social network, strumenti dal grande potere comunicativo, di condivisione, possono aiutare ad esprimere il dolore.


E poi nei genitori scatta il senso di mantenimento delle abitudini e dei contatti primari della persona scomparsa che grazie ai social network è possibile. Il padre e la madre dello scomparso così mantengono i contatti con gli amici”.


Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

Credo che se i social possono aiutare in un primo momento dell’elaborazione del lutto, rischiano se utilizzati in maniera sbagliata di legarci eccessivamente a chi non c’è più, rendendo poi più complesso il voltare pagina e metaforicamente “sepellire” il defunto.

See on www.ilrestodelcarlino.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.