Tre milioni di italiani hanno paura di impazzire - Psicologo Milano
Paura dell’abbandono: istruzioni per l’uso
10 novembre 2013
Perche’ la psicoanalisi si lascia intimorire dalla scienza?
10 novembre 2013
Mostra tutto

Tre milioni di italiani hanno paura di impazzire

Il mio parere: le persone sono abiutate a tenere tutto sotto loro stretto controllo. La paura di impazzire, da questo punto di vista, è ciò che più mina questa esigenza sempre più radicata e purtroppo nefasta.

Frequente in chi soffre di ansia e attacchi di panico, questo timore, rischia in alcune occasioni di trasformarsi in vera e propria ossessione.

Voto all’articolo 7/10

Tratto dall’articolo:

“Tre milioni d’italiani, secondo le stime della società italiana di psicologia clinica (Sipo), hanno paura di impazzire: si tratta di un dato molto alto che rappresenta il 5% della popolazione del nostro Paese e che è quasi sempre collegato con il disturbo da attacco da panico o con il disturbo ossessivo compulsivo.


E’ inutile dire loro che proprio per questa caratteristica non impazziranno mai: questa fobia è un sintomo di disturbo d’ansia ed è di per sé paradossale, atteso che nelle gravi malattie mentali temute uno dei sintomi nucleari è proprio la mancanza di insight, cioè di consapevolezza di malattia.


La paura di impazzire, detta anche “psicopatofobia”, è una sorta di variante psichica dell’ipocondria e si manifesta, oltre che con i sintomi classici dell’ansia, con una costante ricerca di rassicurazione, continue visite specialistiche, consulti di siti dedicati all’argomento.”

Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

See on affaritaliani.libero.it

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.