Come gestire la gelosia tra fratelli: 3 consigli per i genitori - Psicologo Milano
come mangiare sano
Mangiare sano: 7 strategie scientifiche per buone abitudini alimentari
27 Settembre 2020
smartworking
Guida allo Smart Working: 4 suggerimenti per le aziende
5 Ottobre 2020
Mostra tutto

Come gestire la gelosia tra fratelli: 3 consigli per i genitori

I genitori con più di un figlio ben sanno quanto sia complesso gestire la gelosia tra fratelli.

Se dai ragione a uno fai un torto all’altro e viceversa. E poi, oltretutto, magari ti viene da dare ragione a uno, ma spesso senti dentro di te che non hai gli elementi in mano per dire se effettivamente la tua impressione di giudizio sia quella “esatta”.

Parliamo quindi di gelosia tra fratelli e sorelle: un po’ in base a quello che ho studiato, un po’ in base alla mia esperienza di genitore.

 

1. Le preferenze esistono

É un po’ disruptive come concetto di apertura, però riflettiamo un po’ assieme su questa frase. Io non credo che un genitore possa affermare di non avere MAI avuto nel corso della sua vita una preferenza o una antipatia nei confronti di un figlio o dell’altro. È una parte naturale delle cose avere delle affinità specifiche più rilevanti di altre. Certo: possono durare poco tempo, possono cambiare nel tempo, tutto quello che volete.

Il punto secondo me è che riconoscere queste preferenze – seppure temporanee – può aiutarci a migliorare il rapporto con i figli. Ad esempio c’è stato un periodo in cui ascoltandomi, quando stavo con uno dei miei figli, sentivo rabbia e fastidio. Ascoltare e interrogarmi su queste emozioni mi ha fatto capire che non mi sentivo da lui considerato (a differenza di quello che accadeva con la mamma). Allora ho preso la palla al balzo e partendo da questa emozione ho cercato di bonificarla, di migliorare il mio rapporto con lui: mi sono chiesto “Come posso rinforzare la relazione affinché io non mi senta “scartato” ma anche lui mi apprezzi di più?”.

É importante monitorare i nostri “umori” nei confronti dei figli e comprenderli: questo è un primo passo per migliorare nel day by day la relazione con loro.

 

2. Il lato positivo della gelosia

Winnicott diceva che superare la gelosia in infanzia ci avrebbe aiutato a viverla meglio da adulti. Questo è il lato positivo della gelosia: vederla come una palestra per i nostri figli per stare dentro alcune emozioni che – seppur spiacevoli – possono renderci anche più forti e completi. Se non la superiamo in infanzia, da adulti rischiamo di essere più rabbiosi e aggressivi. 

C’è una tendenza generale nella nostra società a fuggire dalle emozioni ingombranti: bene contrastare questa “moda”, fin da piccoli. Inoltre almeno un po’ di gelosia tra fratelli è inevitabile, inutile pensare di potere agire in modo da farla sparire del tutto. Credo invece utile ragionare nell’ottica per cui la gelosia c’è, capiamo come affrontarla e conviverci.

 

3. Il ruolo del genitore

Terzo spunto è legato al ruolo che il genitore deve avere all’interno di queste dinamiche. Tema ampio, che qui per praticità tocco relativamente a 3 elementi.

  1. In primis il genitore deve essere non tanto un elemento a garanzia di equità, ma a garanzia dell’unicità dei bambini. Mi spiego: se abbiamo 4 caramelle e 2 figli, non è tanto il fare una distribuzione equa delle cose (2 caramelle a testa), ma dare a ognuno dei figli quello di cui hanno bisogno. Non vanno cioè trattati “alla pari”, ma per l’unicità che rappresentano. Magari a uno piacciono le caramelle, ma l’altro invece vuole una cosa diversa: andiamo incontro alla loro unicità, preserviamola e valorizziamola
  2. Il genitore deve “vedere” i figli. Questa è la loro richiesta più frequente: “Guarda che bel disegno ho fatto? Guarda che mi tuffo? Guarda come mi sono vestito?”. I bambini hanno bisogno di essere visti, è così che riempi il loro serbatoio emotivo. Guardiamoli e diamo loro amore: due azioni che siamo sicuri non potranno certo fargli male.
  3. Inoltre i genitori devono monitorare i litigi tra loro (marito e moglie) e interrogarsi sugli effetti che questi hanno sui bambini. Spesso, molto spesso, ho visto figli intrappolati in lotte tra adulti: uno era il braccio armato del papà e l’altro della mamma, e si scannavano tra loro per portare avanti delle guerre che non appartenevano loro.

Cari genitori: avete un ruolo ed influenza devastante sui piccoli: state in guardia. 

 

Iscriviti qui al mio video corso gratuito sulla crescita personale: http://bit.ly/Crescita

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.