Blog

Dipendenza da internet: per gli psicologi americani non esiste, ma c’è chi crede il contrario

Attualità / Psicologia

Dipendenza da internet: per gli psicologi americani non esiste, ma c’è chi crede il contrario

Il mio parere: le solite polemiche sul nuovo DSM, il manuale statistico dei disturbi mentali che già ho ampiamente criticato in passato.

Oggi ci si scaglia contro il fatto che non prevede a oggi tra le varie patologie quella della internet addiction, perchè l’APA (l’associaizone che lo redige) propende per una più prudente per effettuare prima ulteriori studi a riguardo.

Faccio una battuta: forse prima di inserirlo nel DSM aspettano che esca un farmaco ad hoc per potere curare questo disagio?

Vi lascio a questai nteressante disamina sul tema “dipendenza da internet”.

Voto articolo: 8/10

Tratto dall’articolo:

“«Ho deciso di prendere un po’ di dramamina per non sentire più l’angoscia». «Sono nella mia stanza, da solo. Non so più cosa fare». «È una tortura».

Ecco le emozioni raccontate in un diario dagli studenti del corso di giornalismo dell’Università del Maryland che hanno partecipato alla ricerca A day without Media: 24 ore senza connessione, smartphone, tablet.

«Nel silenzio del campus — scrive uno studente — senza nemmeno musica». Né Google, Facebook, Twitter. L’indagine, realizzata dall’Icmpa, l’International Center for Media and Public Agenda, pone, ancora una volta, una domanda: Internet ci rende dipendenti?

Il Dsm-V, il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, a cui «la Lettura» ha dedicato un articolo la scorsa settimana, non sa rispondere.

Gli psichiatri dell’Apa, l’associazione professionale americana che lo redige, non hanno aggiunto l’Internet Addiction Disorder (Iad), la dipendenza dalla Rete, tra le nuove patologie, ma hanno suggerito studi ulteriori.”

Leggi tutto l’articolo

Luca Mazzucchelli

See on www.sostanze.info

SEGUIMI SU INSTAGRAM

Ogni giorno su Instagram fotografie e video inediti di quello che faccio.

SEGUIMI SU YOUTUBE

ACQUISTA I MIEI LIBRI

I Miei Libri - Psicologo Milano

SEGUIMI SU FACEBOOK