Blog

“Facebook? Meglio dopo i 14 anni”. Gli studenti a lezione di internet

Attualità / Psicologia

“Facebook? Meglio dopo i 14 anni”. Gli studenti a lezione di internet

Qual è il problema di un ragazzino che naviga in internet e partecipa ai social network? «L’onnipotenza tipica dell’adolescenza – risponde Zambrino – che gli fa trascurare, se li conosce, i rischi della Rete.


Ma spesso questi non sono nemmeno noti e gli adulti non sono in grado, a volte per ignoranza informatica, di esercitare un controllo attento».


Durante gli incontri nelle scuole qualcuno si vanta di sapere già molte cose, altri ammettono di scoprire realtà nuove e qualcuno ha anche disdetto il suo profilo su facebook: «Non vogliamo demonizzare questi strumenti ma fare in modo che vengano adoperati come tali e non diventino una sorta di altra realtà che protegge dal confronto con gli altri e crea dipendenza».


Vivere troppo su internet comporta la possibilità di non sviluppare più relazioni sociali normali, senza il filtro del video. Già adesso la comunicazione è spesso impersonale, gergale come avviene con i messaggini. Nei contatti virtuali uno spera di poter superare le sue insicurezze.


In teoria facebook sarebbe vietato ai minori di tredici anni ma tanti bambini hanno un loro profilo «mentendo» sulla data di nascita, a volte con il benestare della famiglia. Ma qual è l’età giusta per mostrarsi on line? «Mai prima delle superiori – suggerisce Zambrino – e internet sempre con adulto almeno sino a quell’età».

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

Ho già avuto modo in questo video di evidenziare quelli che secondo me sono i veri rischi delle nuove tecnologie, che hanno si a che fare con il concetto di Onnipotenza bene evidenziato in questo articolo, ma di certo non si fermano a questo.

Il momento riflessivo abdica all’impulso dell’azione, e ci si rende conto spesso troppo tardi cosa si sta facendo e le sue ripercussioni.

See on edizioni.lastampa.it

SEGUIMI SU INSTAGRAM

Ogni giorno su Instagram fotografie e video inediti di quello che faccio.

SEGUIMI SU YOUTUBE

ACQUISTA I MIEI LIBRI

I Miei Libri - Psicologo Milano

SEGUIMI SU FACEBOOK