Il lutto elaborato

affrontare la morte Milano

Il lutto elaborato

 

lutto elaboratoLa ferita del lutto

Un lutto elaborato non comporta l’assenza di una ferita: come detto nelle fasi iniziali di questo contributo, tendiamo sempre a conservare il lutto, in quanto costituisce il modo per mantenere il legame con la persona scomparsa. La ferita tipica di un lutto elaborato è però una ferita che si è cicatrizzata: il segno rimane, ma consente di continuare a vivere; proprio come le ferite di vecchi traumi fisici: ci sono momenti in cui il dolore si riacutizza, ma si riesce a preservare un funzionamento normale.
Il dolore per la sua assenza non potrà mai essere più grande della gratitudine per esserci stato”.
Questa frase tratta dai diari di Etty Hillesum, che l’autrice dedica al marito defunto, è un ottimo esempio di quello che si può considerare un lutto elaborato, nel quale il patrimonio affettivo della persona scomparsa diventa una fonte di ricchezza per i superstiti.

 

Dott. Emanuele Zanaboni

Riferimenti bibliografici[1]

BONANNO G.A., WORTMAN C.B.,  NESSE R.M, Prospective Patterns of Resilience and Maladjustment During Widowhood, Psychology and Aging, 19 (2), pp. 260-271, 2004.

BOWLBY, J.,  Attaccamento e perdita. Vol. 3, Bollati Boringhieri, Torino, 1983.

NEIMEYER R., Lessons of loss: A guide to coping, Brunner Routledge, New York, 2000.



[1] Un grazie sincero al dott. Primo Gelati, terapeuta familiare e psicologo presso l’hospice dell’ospedale di Legnano, a cui vanno i miei più sentiti e sinceri ringraziamenti per aver messo con passione la propria esperienza a disposizione.

 

 

 

Ti è piaciuto l’articolo? iscriviti alla mailing list!

* indicates required
Su che argomenti vuoi restare aggiornato?

 

SEGUIMI SU INSTAGRAM

Ogni giorno su Instagram fotografie e video inediti di quello che faccio.

SEGUIMI SU YOUTUBE

ACQUISTA I MIEI LIBRI

I Miei Libri - Psicologo Milano

SEGUIMI SU FACEBOOK