mamme internet dipendenti
Contro le liti e lo stress la psicologia arriva in condominio
28 Gennaio 2014
pensieri intrusivi
6 strategie per sconfiggere i pensieri disturbanti
30 Gennaio 2014
Mostra tutto

Madri internet dipendenti in aumento: sono online più dei loro figli

LO STUDIO – Le madri internet dipendenti aumentano a macchia d’olio, secondo lo studio del prof. Tonino Cantelmi, docente di psicologia dello sviluppo presso la Lumsa di Roma, il quale ha scoperto, dopo un lungo periodo di ricerca dedicato all’analisi dei giovani “nativi digitali”, che le madri sono assuefatte da internet nello stesso modo, talvolta anche in maggior misura, dei loro figli.

 

TUTTO PER I FIGLI – Le madri internet dipendenti si legano al mondo del web fin dalla nascita dei propri bimbi, sfruttando le potenzialità mediatiche di chat, Facebook o WhatsApp per chiacchierare con le proprie amiche e,in particolare, per ottimizzare la loro figura genitoriale.

 

Molto comune è il ricorso a gruppi di chat, divisi per classe, dove le madri degli alunni possono comunicare fra loro per coordinare al meglio le attività scolastiche dei figli o scoprire in tempo reale gli avvenimenti più importanti della giornata a scolastica.

(…)

IL RITORNO ALL’ADOLESCENZA – Secondo Cantelmi, il ricorso all’universo web da parte delle mamme, pur svelando alcuni lati positivi, condiziona così tanto le donne da trasformarle nuovamente in adolescenti, ripercorrendo alcuni tratti salienti della giovinezza tramite l’emulazione di alcuni atteggiamenti che dovrebbero appartenere ai propri figli.

Difficile è spesso il poter distinguere una mamma da una figlia attraverso l’osservazione degli stati di Facebook dove impazzano, per entrambi i casi, infinite varianti di emoticon, frasi spensierate e immagini più riconducibili a un teenager piuttosto che a un genitore.

Leggi tutto l’articolo

 

Luca Mazzucchelli – www.psicologo-milano.it‘s insight:

I tempi cambiano non solo per i nativi digitali ma anche per gli adulti, mutandone le abitudini e aprendo da una parte nuove opportunità, dall’altra potenziali problematiche.

Questo studio evidenza un dato che non mi aspettavo: le mamme sembrano passare più tempo connesse rispetto ai loro figli.

I rischi sono credo immaginabili a tutti: un ritiro dalla relazione sempre più bidirezionale che potrebbe impoverire troppo il rapporto genitore-figlio.

In questo mio intervento a radio deejay parlo proprio della Nomofobia, ossia la paura di rimanere senza connessione.

See on www.wakeupnews.eu

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.