Come chiedere scusa - Psicologo Milano
Cosa rende una squadra efficace
8 Aprile 2019
Come attirare la fortuna
10 Aprile 2019
Mostra tutto

Come chiedere scusa

Se date importanza ai sentimenti delle persone che vi stanno vicino, se volete mantenere nel tempo queste relazioni e se volete migliorare la vostra autostima, allora presto o tardi dovrete imparare a chiedere scusa.

Oggi ti fornirò i miei 4 punti cardinali per chiedere scusa:

 

NORD

Sii realmente dispiaciuto per aver ferito l’altra persona.

Vuol dire mostrare che per te i sentimenti dell’altro sono importanti, anche se magari al suo posto non ti saresti sentito ferito.

Tanto più sei una persona empatica, tanto meglio dovrebbe riuscirti questa parte.

 

SUD

Prenditi le tue responsabilità.

Descrivi in modo specifico ciò che è successo e metti in chiaro che hai capito che cosa ha ferito il tuo interlocutore.

Un buon prototipo di frase da usare potrebbe essere qualcosa come: “Sono veramente dispiaciuto per XYZ, e per il modo in cui ti ho fatto sentire. Non avrei dovuto farlo. Cosa posso fare per rimediare?” è importante usare frasi chiare, non ambigue e dirette.

 

OVEST

Non solo parole.

Chiedere scusa è la promessa di un cambiamento la cui prova si ha solo nel momento in cui i comportamenti vengono modificati.

Si inizia con le parole, quindi, ma da sole non bastano: è necessario adottare un comportamento differente, e su questo è necessari un tuo impegno chiaro ed esplicitato.

È bene che tu ti chieda: “Qual è il mio piano per garantire che questo comportamento non accadrà di nuovo?”.

Può essere utile mettere qualcosa per iscritto, anche solo una nota che ti ricordi questo impegno da tenere nel portafoglio a ricordarti il tuo obiettivo.

 

EST

Chiedete perdono.

 Arrivato a questo punto, e non prima, puoi allora chiedere scusa, e permettere alla persona che ascolta a decidere l’esito della conversazione.

Considera che la parte lesa potrà aver bisogno di un certo tempo per decidere, soprattutto se l’offesa è importante. Perdonare richiede tempo.

Ringrazia l’altra persona per averti ascoltato e lascia aperta la possibilità di una riconciliazione futura.

Potresti dire ad esempio: “Capisco che tu sia ancora arrabbiato con me, ma grazie per avermi dato la possibilità di scusarmi. Se cambierai idea, chiamami”.

 

“Scusarsi non significa sempre che tu hai sbagliato e l’altro ha ragione. Significa semplicemente che tieni più a quella relazione del tuo orgoglio.”

Fabio Volo

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.