Blog

Psicologo di quartiere, Mazzucchelli: 'Sono soprattutto donne'

Blog psicologia

Psicologo di quartiere, Mazzucchelli: 'Sono soprattutto donne'

Tratto da www.voceditalia.it

“Sono soprattutto le donne ad ammettere di avere un problema”

Psicologo di quartiere, Mazzucchelli: ‘Sono soprattutto donne’

A piu’ di un anno di distanza dall’inaugurazione del servizio, si aggiungono nuove farmacie

Milano – Nel febbraio 2009 è partito il progetto “Lo psicologo di quartiere”, un servizio completamente gratuito, voluto dall’assessorato alla Salute del Comune di Milano Giampaolo Landi di Chiavenna. Uno specialista a disposizione della cittadinanza, per avvicinare anche i più restii alla figura dello psicologo, considerata sempre con un pò di pregiudizi. 

“Il successo del progetto si deve – spiega il Dott. Luca Mazzucchelli psicologo di quartiere in zona Moscova- ad un insieme di circostanze che concorrono a creare una buona alchimia. Fondamentale, ad esempio, il ruolo del farmacista che deve diffondere i depliants e informare la clientela del servizio. Così come è essenziale che lo psicologo riesca a interagire con il medico di base per fornire un servizio completo all’utente” ci dice “Inoltre è importantissimo che i media si occupino del progetto e che ne diffondano la notizia il più possible”.

Ma, qual’è la tipologia di utenti che maggiormente si rivolge allo psicologo di quartiere e quali sono i disagi psicologici che più lamentano?
” Abbiamo avuto un’utenza eterogenea per quanto riguarda l’età – ci informa Mazzucchelli – dai minorenni accompagnati dalle madri, agli 80enni. Ma sono state soprattutto le donne a rivolgersi allo psicologo di quartiere, le donne sono in genere più disposte ad ammettere un proprio problema – spiega lo psicologo – I disturbi denunciati sono soprattutto quelli legati all’umore, disturbi ansiosi e problematiche legate ai cambiamenti nelle fasi più importanti della vita. Non solo dal passaggio dell’adolescenza all’età adulta, anche andare in pensione può costituire un disagio a livello psicologico”.

 L’intervento del sindaco Moratti non era finalizzato quindi a rilanciare un’iniziativa che stentava a prendere piede?
“No, affatto. L’iniziativa sta andando benissimo – risponde il Dott Mazzucchelli – Certo alcune farmacie hanno avuto più richieste del servizio rispetto ad altre. Ma in molte c’erano anche delle liste d’attesa. L’intervento della Moratti certo è stata una grossa ‘botta mediatica’ ma è volto soprattutto all’introduzione di nuove farmacie che disporranno del servizio dello psicologo di quartiere” conclude.


Ilaria Di Lascia

7/5/2010 

SEGUIMI SU INSTAGRAM

Ogni giorno su Instagram fotografie e video inediti di quello che faccio.

SEGUIMI SU YOUTUBE

ACQUISTA I MIEI LIBRI

I Miei Libri - Psicologo Milano

SEGUIMI SU FACEBOOK