Time management: la gestione del tempo per aumentare la produttività - Psicologo Milano
come essere felici
Come essere felici e avere una vita piena e meravigliosa
25 Maggio 2020
principio pareto
Migliorare la produttività: quando la regola 80/20 fallisce
9 Giugno 2020
Mostra tutto

Time management: la gestione del tempo per aumentare la produttività

time management

Gestire il tempo, organizzare il tempo, rendere più efficiente il tempo: amici, quanto è prezioso il tempo?

Un sacco, io sono un grande utilizzatore di strumenti di ottimizzazione, automatizzazione e più in generale di gestione del tempo, MA c’è una cosa che ancora più importante del tempo e raramente viene presa in considerazione che però è capace di fare una differenza enorme.

Di cosa parlo?

Te lo spiego subito con un breve esercizio:

Immagina che la tua vita sia una torta, composta da 5 fette. Ogni fetta rappresenta una delle 5 aree principali della tua vita: la sfera personale, quella del lavoro, la famiglia, salute e l’area spirituale.

Bene, ora la domanda è: da buon stratega, fatto 100 del tempo a tua disposizione, come lo distribuiresti tra queste 5 aree per garantirti una vita piena e appagante?

Ora, la regola del 100 ci dice che la maggior parte delle persone risponde dicendo: “Beh, famiglia importante… lavoro anche. Parte spirituale? Figo! Anche però quella personale e poi tutto parte dalla salute…. Vorrai mica ignorarla?Facciamo 20-20-20-20 e 20.

Il punto è che bilanciare in modo uguale il tempo a disposizione in tutte e 5 le aree non ti porterà a crescere in egual misura in ognuna di esse. Perché? Perché puoi gestire anche abilmente il tempo, ma non è che per il fatto di mettere 20 ore sul lavoro, allora ti farà tornare indietro 20 denari.

Il punto amici è che il problema non è la quantità di tempo che investi in una direzione, ma la qualità dell’energia che dedichi a quel compito.

Dobbiamo cioè pensare meno in termini di quantità e più in termini di qualità. Meno in termini di tempo e più in termini di energia.

Ottimizzare la gestione del tempo è una falsa pista se non prendiamo in considerazione la gestione dell’energia, dell’aumentare, preservare e spendere intelligentemente le energie che hai a disposizione.

Ad esempio prendi il MindLab, il mio gruppo privato nel quale ogni settimana faccio una live di 1h nella quale rispondo alle domande di chi vi è iscritto o comunque parlo di psicologia e crescita personale in modo specifico. Il tempo di per sé non è molto, ma chi partecipa a quei 60 minuti percepisce che concentro tutta la mia energia a disposizione.

Ogni settimana do il 100% e ricevo dai mindlabbini il 100% della loro gratitudine. Non do loro il 100% del mio tempo, ma il 100% della mia energia. Non sto parlando di quantità, sto parlando di qualità.

Una coppia può stare insieme tutta la serata ma non scambiarsi una parola. Tempo dedicato 100, energia investita zero. Cosa torna loro indietro da quella serata? Zero.

Oppure magari senti tua mamma al telefono solo per 10 minuti, ma in quei minuti sei completamente dedicato. Meglio così invece che vivere assieme a lei 24/24 ma non dirsi mai nulla, no?

O che ne so, sei in vacanza con i tuoi figli ma stai tutto il tempo al cellulare: non stai dedicando loro energia e non ti tornerà indietro relazione.

Dedicare energia a un progetto significa sentirti pienamente ingaggiato in quel compito. Avrai vissuto sulla tua pelle che puoi lavorare per 6 ore forte, oppure lavorare per 6 ore “piano”: quel primo caso sei ingaggiato e dai energia in una situazione, nel secondo sei disinteressato e la centellini.

Allora amici vi lascio con un esercizio, secondo me primo step fondamentale per prendere consapevolezza della situazione e poi apportare le modifiche che riterrete opportuno.

Torniamo alla nostra torta iniziale, divisa in 5 aree. Tieni un diario di una settimana nel quale registri puntualmente come spendi il tuo tempo tra loro.

Cioè durante il giorno, quanto tempo passi a a leggere o meditare o a coltivare la tua crescita personale? Oppure, quanto tempo passi a lavorare? Quanto tempo dedichi alla tua famiglia? Quanto a migliorare la tua salute fisica? Quanto a connetterti con una dimensione spirituale?

Mano mano che fai questo diario rifletti anche su come suddividi le tue energie in ognuna di queste 5 aree. Non come vorresti spenderle, attenzione, ma quante effettivamente ne spendi.

Dopo questa prima settimana prova a rispondere a queste domande:

Come puoi preservare la tua energia? Usando meno il cellulare? Evitando di parlare con il tassista di turno e spendendo quel tempo a ricaricarti un po’? Prendendo una pausa ogni tanto dal tuo lavoro? Oppure vedi che ti aiuta a ricaricarti la barra energetica il meditare? Fare una passeggiata? Stare vicino a persone che emanano energia? O cercare di ricordarti il motivo che ti spinge a fare quel determinato compito?

 

Se vuoi anche tu partecipare alle live di MindLab, clicca qui: https://www.lucamazzucchelli.com/mindlab/

 

Se vuoi confrontarti con altre persone su questo e altri temi, entra nel gruppo “PsyWay: https://www.facebook.com/groups/231102253669273/

 

Commenti
Luca Mazzucchelli
Luca Mazzucchelli
Direttore della rivista "Psicologia Contemporanea", Vicepresidente dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia, psicologo e psicoterapeuta. Ha fondato il canale youtube “Parliamo di Psicologia”, con cui ispira migliaia di persone su come vivere meglio grazie alla psicologia, ha dato vita alla "Casa della Psicologia" assieme ai colleghi dell'Ordine degli Psicologi della Lombardia ed è consulente editoriale delle collane di Psicologia Giunti Editore.